L’euro e la crisi gonfiano il portafoglio (e il mattone) dei tedeschi