Vi racconto due storielle di ottusa burocrazia nel Lazio