Dopo Londra, la speranza viene anche da Stoccarda