Elezioni, i grandi perdenti sono Tv e giornali