Vi racconto il nuovo Scherzi a parte prodotto da Domenico De Masi

Vi racconto il nuovo Scherzi a parte prodotto da Domenico De Masi

Puntata di Otto e mezzo del 18 marzo, condotta da Lilli Gruber con Domenico De Masi (sociologo), Antonio Monda (scrittore), Giovanni Veronesi (regista) e il vostro titolare (sé stesso).

Torniamo sul tema dell’ultimo libro del simpatico De Masi, Lavorare gratis, lavorare tutti (la cui “filosofia” avevo già recensito qui), per una rapida escursione/incursione in un universo alternativo in cui si finisce a mischiare temi planetari (la disoccupazione tecnologica) con altri specifici alla crisi italiana (la fuga dei giovani e non solo, il welfare fallimentare).

De Masi, che già anni addietro aveva identificato la radice della forza economica tedesca osservando che laggiù dopo le 17 gli uffici son deserti, si conferma grande e apodittico affabulatore futurologo, con epidermica avversione per il fact checking ma forse proprio per questo ha ampio mercato mediatico in questo Paese. Lamenta che molti suoi studenti restino a lungo disoccupati.

Guardando la puntata potrà capitarvi di essere colti (come capitato al sottoscritto) da vertigini e dal dubbio che si sia trattato di un esperimento sociale a metà tra la candid camera e Scherzi a parte, e forse è andata proprio così, in un’audace contaminazione tra generi narrativi. Su tutto, un ringraziamento personale a Lilli Gruber, deliziosamente perfida.

(Tratto da Phastidio.net)

ultima modifica: 2017-03-21T16:30:49+00:00 da Mario Seminerio

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>