Natale è alle porte e, come di consueto, è cominciata la corsa ai regali. Dopo aver individuato il cadeau più indicato da donare ad amici e parenti, non resta che da chiedersi con quale strumento pagare l’acquisto. Una valida soluzione può essere quella di utilizzare una carta di credito, che, contrariamente a quanto si possa pensare, è più sicura del contante e prevede l’addebito posticipato delle spese. Se ancora non ne si ha una, si può decidere di mettere le migliori carte di credito a confronto in modo da trovare quella più adatta alle proprie esigenze.

 

Se si predilige il pagamento con moneta elettronica, il Consumer Spending Barometer, il barometro che controlla i trend di consumi per l’Europa, mostra un dato non troppo positivo, ovvero che in linea generale diminuiscono gli importi pagati con le carte di credito, il che significa che si sta più attenti a risparmiare. Ma le notizie non sono solo negative, vediamo perché.

 

In Italia il “timore” nei confronti della moneta elettronica sembra affievolirsi. Secondo gli ultimi dati SuperMoney, portale di confronto numero uno in Italia, nel mese di novembre le domande di carte di pagamento sono aumentate del 20% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e di ben il 13% rispetto al mese di ottobre. Questo trend è una diretta conseguenza della stretta creditizia, che rende sempre più difficile per i consumatori accedere al credito bancario. In particolare, il maggior numero di richieste ha interessato le carte rateali (35,8%), seguite dalle carte a saldo (34%) e, infine, dalle prepagate (30,2%).

 

Gli strumenti di pagamento elettronici presentano numerosi vantaggi, come l’addebito posticipato delle spese effettuate online o nei punti vendita “reali” e la praticità che, per esempio, consente di liberare le tasche dalla “schiavitù” del resto. Nonostante i luoghi comuni che, soprattutto nel nostro Paese, circolano sul loro conto, le carte di credito sono estremamente sicure, anche per gli acquisti effettuati su internet e via cellulare.
Il pagamento dei regali natalizi tramite carta di credito può essere una buona scelta anche perché molte di esse offrono delle assicurazioni sugli acquisti effettuati online. Ove prevista, si ha diritto al rimborso della spesa sostenuta, in caso di merce danneggiata o non conforme alle aspettative.

 

Quando si utilizza la carta, bisogna, però, prestare attenzione ad alcuni aspetti. Ad esempio, se si possiede una carta a saldo, occorre accertarsi di avere il credito sufficiente per effettuare l’acquisto. In caso contrario, si rischia di andare in rosso e di pagare interessi anche piuttosto elevati. Occhio anche alle carte revolving, che contengono un prestito incorporato e prevedono tassi d’interessi pari al 20%. Bisogna, inoltre, tener presente che, malgrado ci sia la volontà di non utilizzare il contante, non è detto che il commerciante sia abilitato ai pagamenti elettronici e disponga, cioè, di un POS per la lettura della carta. Infine, per evitare “fregature”, una buona prassi è quella di controllare sempre l’estratto conto e verificare che non ci siano addebiti scorretti.

 

Chi preferisce ricorrere ancora al contante, può richiedere un finanziamento. In questo caso, la scelta principale è fra un prestito finalizzato e un prestito personale. Nel primo caso, il contratto viene stipulato tramite una finanziaria direttamente nel punto vendita convenzionato, ma ciò comporta che il credito erogato sia impiegato per l’acquisto di un determinato bene e servizio; nel secondo, non vi sono, invece, particolari vincoli sull’utilizzo delle somme ma, per contro, i tempi di erogazione sono molto più dilatati, specie in questo periodo.

Condividi tramite