Leggo il commento di Friedrich Nietzsche all’avvento della macchina da scrivere: “Hai ragione, i nostri strumenti di scrittura hanno un ruolo nella formazione dei nostri pensieri” (da Corriere della sera del 18 gennaio 2013). Mi vengono in mente i cellulari, con i loro sms, email, Twitter e rabbrividisco. Poi, la mitica Olivetti Lettera 32 e continuo a sperare (aml)

Condividi tramite