I piani di Julia Pierson, la nuova guida dei Servizi Usa

I piani di Julia Pierson, la nuova guida dei Servizi Usa

Per la prima volta dall’istituzione nel 1865 la guida dei servizi segreti statunitensi è stata affidata a una donna. Sarà Julia Pierson a garantire la sicurezza del presidente, della sua famiglia, del vicepresidente e dei leader mondiali in visita negli Usa. Veterana del servizi prenderà il posto di Mark Sullivan andato in pensione un mese fa, dopo sette anni passati alla guida dell’agenzia che si occupa anche di indagare sul sistema finanziario e contrastare truffe e contraffazione di denaro, compiti originari dei servizi quando furono fondati 148 anni fa.

Sull’ultimo anno della carriera di Sullivan pesa tuttavia lo scandalo che lo scorso aprile coinvolse otto agenti, colpevoli di aver portato prostitute in albergo durante l’organizzazione del viaggio di Barack Obama a Cartagena, in Colombia. Spetterà a Pierson risollevare il nome dell’organismo e cercare di smentire la cultura maschilista che anche l’immaginario cinematografico ha aiutato a costruire attorno agli agenti che proteggono il presidente.

Cinquantatré anni, originaria di Orlando, Pierson vanta 29 anni di esperienza nei servizi. “So che la sua sua esperienza la guiderà nella sfida di guidare gli uomini e le donne di questa importante agenzia”, ha detto Obama, “È estremamente qualificata per guidare l’agenzia che non soltanto protegge gli americani durante grandi eventi e dà sicurezza al nostro sistema finanziario, ma protegge anche i nostri leader e le loro famiglie compresa la mia”. Ricorda il Washington Post che negli ultimi anni Pierson ha guidato il processo di modernizzazione dei sistemi per raccogliere informazioni e coordinare gli agenti.

“I servizi sono un’opportunità unica per essere testimoni della storia come parte della squadra che protegge i leader nazionali e e le infrastrutture finanziare”, è la citazione scelta dal Post per descrivere la nuova guida dell’agenzia: “Non credo che i cittadini capiscano a fondo la mole di lavoro per una visita presidenziale”.

Con Pierson crescono le nomine femminili di Obama ai vertici dei agenzie in questo secondo mandato presidenziale. Tra le altre: Sally Jewell al dipartimento dell’Interno, che si occupa di ambiente e natura, Gina McCarthy alla guida dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente, Mary Jo White alla Security and Exchange Commission.

ultima modifica: 2013-03-27T09:22:27+00:00 da Andrea Pira

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: