Cresce il numero degli esercenti che accettano i pagamenti contactless. Secondo Visa saranno un milione in tutta Europa entro la fine dell’anno.

 

Il periodo di saldi è il momento in cui si possono trovare delle occasioni imperdibili a prezzi stracciati. Ma per evitare di andare a fare shopping con il portafoglio pieno di banconote e monetine si può decidere di usare la carta di credito, perché è più comoda e occupa meno spazio. Se ancora non se ne dispone si possono mettere le carte di credito dei migliori istituti bancari a confronto, in modo da affrontare lo shopping in tutta comodità e tranquillità.

 

I pagamenti con moneta elettronica rappresentano la nuova frontiera, grazie alle nuove tecnologie per il mobile ed alla diffusione dei Pos di nuova generazione che permettono di effettuare le transazioni contactless. Questi pagamenti non solo comodi, pratici e sicuri, ma anche tracciabili al pari di tutte le altre transazioni effettuate con moneta elettronica, e ciò costituisce un grosso aiuto nella lotta all’evasione fiscale. Non a caso entro la fine del 2013 nel mondo si arriverà a toccare mensilmente la quota dei 52 miliardi di pagamenti effettuati con il cellulare.

 

A fornire questa stima è stato l’Osservatorio del circuito Visa, precisando come la crescita dei pagamenti contactless sarà trainata dalla diffusione di smartphone abilitati come quelli della Samsung, e come alla carta di credito si preferirà sempre di più il proprio telefono personale per gli acquisti considerando proprio la comodità, la velocità e la sicurezza offerte dalle nuove tecnologie per l’m-commerce.

Al riguardo proprio la società di carte di credito ha sviluppato Visa PayWave, una soluzione per i pagamenti contactless con lo smartphone che da qui a fine anno sarà disponibile su ben ottanta modelli di telefonini di nuova generazione in forza ad una partnership siglata con la Samsung, con la Vodafone e con Telefonica.

Contestualmente crescerà anche il network degli esercenti che accetterà con i Pos evoluti i pagamenti contactless. Al riguardo si prevede che entro la fine dell’anno in Europa un milione di negozi accetterà i pagamenti con lo smartphone senza bisogno di esibire la carta di credito.

Condividi tramite