Nel timore che il provvedimento possa ostacolare la tempestosa navigazione del governo Letta-Letta,
si discute se, e quando, subito o tra un anno, dovrà scattare l’interdizione  perpetua dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi, dopo la stangata a 7 anni per il presunto love affaire tra l’allora premier e la sedicente nipotina, minorenne e marocchina, di Mubarak.
Gratis, suggerisco a Ghedini di proporre che la pesante e temuta, da Alfano, Gianni ed Enrico Letta, oltre che dall’interessato, interdizione-che escluderebbe il Dottore dall’aula e dalle commissioni del Senato, che peraltro frequenta quasi mai -si applichi post-mortem.
Si potrebbe, cioè, applicare postuma alla buonanima del presunto animatore delle notti di “Hardcore”.
Che ne dice l’Avv.Niccolò, di recente bocciato dal collega Pecorella?

Condividi tramite