La sintonia tra i due avversari al Congresso è solo fair play o qualcosa di più?

Sulla carta sono uno contro l’altro. Eppure tra Matteo Renzi e Gianni Cuperlo sta nascendo un inedito asse. In quello che Paolo Gentiloni definisce sul Messaggero “il giorno più nero della storia del Pd”, l’assemblea nazionale di venerdì e sabato scorso, sia il sindaco di Firenze che il candidato dalemiano sembrano voler prendere le distanze dagli scontri e i giochi di potere che hanno di fatto bloccato l’assise democratica.

È Renzi stesso a spiegarlo stamattina a Omnibus: “Con Cuperlo abbiamo cercato di raccontare delle proposte, anche diverse, ma abbiamo parlato delle proposte del Paese”. Diversamente, bacchetta il sindaco, “l’assemblea ha fatto una brutta figura perché mentre il Paese vive la situazione di difficoltà che conosciamo, il partito si occupa delle sue piccole bagatelle di condominio”. E gli fa eco il renziano Gentiloni che invita i due “a prendersi la scena” a dispetto di chi “si è asserragliato in un bunker aspettando chissà che cosa”.

E anche Cuperlo sembra in sintonia con il suo avversario alle primarie visto che ha ritwittato sul suo profilo Twitter il loro abbraccio all’Auditorium della Conciliazione.

Solo fair play tra giocatori o qualcosa di più? I due sono da un punto di vista politico su due pianeti diversi: uno ha fatto della rottamazione il suo grido di battaglia, l’altro è espressione del partito, ultimo segretario della Federazione nazionale comunista italiana, esponente storico dei Ds, candidato scelto da Massimo D’Alema su cui si sono concentrati anche i consensi di Pier Luigi Bersani.

Eppure, come fa notare Gad Lerner sul suo blog, non ha cavalcato i “diversivi inaccettabili” della nomenclatura per far slittare la data del congresso. Nonostante le primarie difficilmente gli regaleranno la leadership del partito, è con il favorito Renzi nel sostenere che esse debbano avvenire l’8 dicembre, come stabilito, pena l’ennesima figuraccia democratica. “Il congresso non è un problema ma l’occasione per smuovere la nostra gente”, ha detto sabato dal palco dell’auditorium.

Il feeling tra i due, che sicuramente sarà poco gradito a Bersani, non passa inosservato. Tanto che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi arriva addirittura a immaginarne un ticket “Cuperlo segretario – Renzi premier”. Yes, they can?

Guarda la photogallery dell’Assemblea firmata Umberto Pizzi

Guarda l’abbraccio tra Renzi e Cuperlo su Flickr

Guarda i video degli interventi di Renzi e Cuperlo all’Assemblea Pd:

 

Condividi tramite