Fatti, commenti ed interviste nello speciale di Formiche.net su presente e futuro dell'ex monopolista in procinto di passare in maniera definitiva sotto il controllo del gruppo spagnolo Telefonica, anche se Alierta...

Anche Telecom Italia, come Snam per la rete del gas e Terna per quella elettrica, sarà protetta dalla golden power per difendere gli asset strategici per la sicurezza dell’Italia. Lo ha disposto un decreto della presidenza del Consilgio, annunciato già la scorsa settimana, ma firmato solo ieri dal premier Enrico Letta.

Le prospettive di Telecom e il nuovo azionariato

Dal punto di vista aziendale, lo sforzo necessario sarà comunque titanico. Parola del nuovo ad di Telecom, Marco Patuano, all’indomani delle dimissioni del presidente Franco Bernabè. Il nuovo corso della società, dopo il balzo al controllo del gruppo spagnolo Telefonica nella holding Telco, comincia sulle macerie dei problemi che l’hanno condotta al declino sotto lo sguardo di Mediobanca, Generali e Intesa Sanpaolo: indebitamento monstre, potenziali cessioni e dossier rete, mentre continua il dibattito politico sull’opportunità di una modifica all’Opa. Di nuovo c’è un socio forte per cui lo sviluppo del gruppo sembra non essere una priorità.

Sfide e ottimismo del nuovo capo azienda

Ma Patuano si mostra ottimista. “Non abbiamo nessun problema a investire”, ha osservato, ma a due condizioni. “Regole certe e impegno per creare domanda che coinvolga non solo i privati ma anche la Pubblica Amministrazione intorno a un grande progetto di trasformazione dell’Italia”. Peccato che si punti a cambiare le regole certe in corso d’opera, la domanda dei privati continui ad essere depressa e la pubblica amministrazione faccia i conti con la legge di stabilità e il potenziale sforamento del deficit nel 2013. Queste le basi più solide per il grande progetto di trasformazione dell’Italia?

Le incognite e le condizioni di Alierta

Alcuni osservatori ritengono che gli spagnoli di Telefonica si siano creati le condizioni anche per un disimpegno. Il Messaggero di ieri ha rivelato che nell’accordo tra Telefonica e i soci italiani di Telco ci sono molti caveat (limitazioni, costrizioni, alterazioni delle regole attuali) che danno diritto di fatto al gruppo iberico di far saltare l’operazione a “loro insindacabile giudizio”.

Ma ecco fatti, commenti ed analisi nello speciale di Formiche.net

Telecom, Alitalia e Ansaldo, cosa vendere e cosa tenere. Il giudizio sul progetto di cessione degli asset strategici statali del presidente di Federmanager Giorgio Ambrogioni. L’intervista di Edoardo Petti

Chi sono i veri nuovi padroni di Telecom. Numeri, storia e progetti dei soci forti di Telefonica nell’articolo di Elisa Maiucci

Telecom, la finta corrida sulla rete. L’analisi su rete ed Opa di Giuliano Cazzola

Telecom, Letta e Alfano. Il destro Crosetto ha sinistri presagi. il futuro di Telecom “madrilena” secondo l’ex forzista, Guido Crosetto, ora tra i leader di Fratelli d’Italia. L’intervista di Francesco De Palo

Telecom, ecco perché i piccoli azionisti non vogliono partecipare alla corrida di Telefonica. Le richieste del presidente di Asati Franco Lombardi nell’articolo di Elisa Maiucci

Alitalia, Telecom e Finmeccanica, che cosa dovrebbe fare il governo Letta. L’analisi di Massimo Mucchetti, pubblicata sull’Unità, sulle partite finanziarie e industriali in corso tra storia, cronaca e consigli all’esecutivo e al Parlamento

Vi spiego perché Letta non può impedire a Telefonica di comprare Telecom Italia. L’articolo pubblicato su Affari Internazionali di Marco Gestri, professore di diritto internazionale nell’Università di Modena e Reggio Emilia e nella Johns Hopkins University.

Telecom, Alitalia e Intesa, i poteri forti sono morti. Parola di Galli. Nomi, ricostruzioni e indiscrezioni nell’intervista al saggista ed economista Giancarlo Galli di Edoardo Petti

Condividi tramite