Divisioni continue in Scelta Civica. Il caso del congresso

Divisioni continue in Scelta Civica. Il caso del congresso

Lo spappolamento di Scelta Civica è ormai conclamato fra un leader senza leadership, anime che anche in vista delle Europee guardano a diverse famiglie politiche e differenti atteggiamenti rispetto al governo di larghe intese con una demarcazione netta fra governativisti e critici-disincantati. Per questo un analista come Giuliano Cazzola, che è ancora responsabile welfare del partito, ha scritto che il movimento montiano ha i giorni contati.

La scelta sofferta del capogruppo 

Due giorni fa c’è stato un altro episodio indice di una frattura che appare insanabile nel movimento fondato da Mario Monti: i senatori del gruppo Scelta Civica hanno eletto Lucio Romano come capogruppo al posto di Gianluca Susta che aveva lasciato la presidenza del gruppo qualche settimana fa. Al voto non hanno partecipato i senatori iper montiani che in dissenso si sono allontanati dalla riunione al momento delle votazioni.

Le tensioni in vista del Congresso

Se in Parlamento non mancano le fibrillazioni nei gruppi di Scelta Civica, c’è chi guarda e lavora nel movimento montiano al congresso che si dovrebbe svolgere prima delle elezioni europee del prossimo anno. Sulle modalità di svolgimento del congresso – secondo alcune indiscrezioni raccolte in ambienti parlamentari – si delineano due impostazioni.

L’idea di Causin

C’è chi, come il responsabile dell’organizzazione del movimento, il montiano Andrea Causin, punterebbe ad allargare quanto più possibile l’area dei partecipanti al congresso con procedure e filiere snelle fra iscritti e vertici da nominare.

L’auspicio di Gitti 

E c’è chi, come Gregorio Gitti, responsabile enti locali del movimento ritenuto vicino all’area dei popolari presenti in Scelta Civica, che auspicherebbe metodi tradizionali con gli iscritti che votano i delegati territoriali per partecipare al congresso.

Quale linea vincerà? O si troverà una mediazione?

ultima modifica: 2013-11-08T10:00:24+00:00 da Michele Arnese

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: