Nel pieno della tempesta economica e finanziaria che ha investito l’Europa, si studiano oggi modifiche e rimedi per il sistema della moneta unica, una buona idea realizzata male.

Più di dieci anni fa Giorgio La Malfa, pur condividendo il senso politico dell’euro e i valori dell’ideale europeista che ne ispiravano la creazione, esprimeva una riflessione fortemente critica sulla costruzione dell’Unione monetaria nel libro “L’Europa legata. I rischi dell’euro“, che questo volume ripresenta aggiornato da un nuovo saggio introduttivo di La Malfa e con la prefazione di Paolo Savona.

Nessuna variazione è stata apportata al testo originario perché quelle pagine scritte quando il cammino verso l’Unione monetaria europea era sostanzialmente compiuto – sono di straordinaria attualità. Già allora, scrive oggi La Malfa, “ero assolutamente convinto che una gestione improntata a una concezione così ristretta della politica economica si sarebbe presto scontrata con la realtà”.

Queste le considerazioni alle quali l’autore faceva seguire una serie di sue proposte per correggere i rischi dell’euro. Lette oggi, quelle considerazioni e quelle proposte suonano come una profezia. L’analisi e la diagnosi sviluppate da La Malfa più di dieci anni fa si sono dimostrate esatte e conservano tutta la loro validità. Per questo occorre rimeditarle adesso, sperando ci sia ancora tempo per rimediare agli errori e riprendere la strada della costruzione dell’Europa.

Condividi tramite