Parte da Milano la semina dei Popolari di Mauro

Parte da Milano la semina dei Popolari di Mauro

Dopo la presentazione ufficiale del 23 novembre scorso al Teatro Quirino a Roma con l’Assemblea Popolare per l’Italia, i Popolari – sancita la scissione da Scelta Civica, ufficializzata con la costituzione dei gruppi parlamentari “Per l’Italia” sia alla Camera che al Senato – si sono dati appuntamento oggi a Milano al Teatro Tieffe alla presenza del ministro Mario Mauro e di altri parlamentari tra i quali Gregorio Gitti, Mario Sberna e Milena Santerini.

I FINI DEI POPOLARI
L’appuntamento milanese s’inserisce nella volontà di radicamento anche nei territori del percorso ambizioso intrapreso a livello nazionale. L’obiettivo è quello di porre le basi di un grande cantiere per la costitituzione di una nuova formazione politica, che nasca dal basso e non da giochi di palazzo o da accordi di potere, a vocazione maggioritaria e radicata nella tradizione popolare e non populista, nel solco della tradizione che s’identifica oggi nell’esperienza del Ppe.

LE PAROLE DI MAURO
All’assemblea di oggi hanno partecipato e portato il contributo studenti, lavoratori, imprenditori, politici, esponenti delle associazioni di categoria, del mondo della scuola, della sanità e del terzo settore e volontariato. L’apertura dei lavori dell’Assemblea è stata affidata a Mario Mauro che ha esordito affermando che questa crisi che sta attraversando l’Italia è innanzitutto segno dell’emergenza educativa che sembra avere tolto ad una generazione intera il coraggio di costruire una famiglia e di avviare un impresa. Di fronte a questo dramma, ha continuato il Ministro della Difesa, da più parti si cercano figure emergenti, nuovi Masaniello, “ma noi non crediamo a nuovi profeti, all’uomo solo al comando”. Oggi, ha aggiunto Mauro, ci siamo dati appuntamento per ritrovare il coraggio, per non perdere la fiducia e credo che questa ragione meriti la scommessa di tutti, di conoscere le ragioni di tutti e di ciascuno, perché chi ha deciso di impegnarsi in politica deve accettare di umiliarsi per ascoltare le ragioni di ognuno.

LE PROSSIME TAPPE
La road map dell’Assemblea Popolare per l’Italia proseguira’ il tour nelle altre principali città d’Italia (in agenda Ancona e Venezia) fino all’assemblea nazionale prevista per la costituzione del nuovo soggetto politico, che dovrebbe tenersi all’inizio di febbraio.

ultima modifica: 2013-12-14T19:01:27+00:00 da Giovanni Mulazzani

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: