Caro Matteo, ecco le nostre priorità. Firmato: i giovani dirigenti italiani

Caro Matteo, ecco le nostre priorità. Firmato: i giovani dirigenti italiani

Forza Renzi, ecco su che cosa si deve concentrare il governo che verrà.

In questo momento di discussione programmatica sul futuro del Paese, i rappresentanti dei Giovani Dirigenti Pubblici (AGDP), dei Giovani Manager privati (Federmanager), delle associazioni Concreta-Mente, Numeri Primi, Allievi SSPA e La Scossa propongono al “futuro governo Renzi” il “Manifesto delle Giovani Classi Dirigenti”: idee e proposte per il cambiamento.

Per uscire dalla crisi, l’Italia ha bisogno, oggi più che mai – dicono le associazioni firmatarie dell’appello – di un profondo ricambio della classe dirigente: è necessario attingere al potenziale, ancora in espresso, dei trenta/quarantenni, per un rinnovamento culturale e generazionale su cui fondare l’indispensabile processo di modernizzazione del Paese. La classe dirigente italiana, infatti, soffre oggi dello stesso difetto di credibilità della politica. Questo è il pensiero dei giovani dirigenti che hanno ispirato il Manifesto.

Se vogliamo che l’Italia recuperi il proprio ruolo sul piano della competizione internazionale occorre creare e aggregare nuove idee e nuove leadership – sostengono i promotori del manifesto/appello – tanto nelle attività economico-imprenditoriali, quanto in quelle politico-amministrative. Per favorire questo urgente processo di cambiamento, sin dallo scorso anno, abbiamo deciso di unire le nostre competenze specifiche per proporre al Paese idee per la sua ripartenza.

Abbiamo elaborato proposte per la riforma della Pubblica Amministrazione, un nuovo mercato del lavoro e un nuovo modello di welfare state, la modernizzazione del sistema scolastico/universitario e la promozione della ricerca, nonché per la ripresa delle attività economiche, tutte condizioni essenziali per il rilancio del Paese.

Clicca qui per leggere la piattaforma completa di proposte o qui per scaricare il manifesto in versione integrale

ultima modifica: 2014-02-19T16:34:42+00:00 da Fernando Pineda

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: