Alle urne per un nuovo Parlamento costituente

Euro “moneta falsa”, scomparsa de facto della democrazia e delle garanzie costituzionali, grazie agli illegittimi e nulli regolamenti comunitari di cui è figlio il Fiscal compact; ora anche i sindacati si mettono contro il governo  Renzi “minaccia della democrazia”.

Ieri alla commissione Affari costituzionali del Senato, il governo va sotto sull’emendamento Calderoli relativo all’illeggibilità dei senatori e poi si salva grazie ai voti determinanti di Forza Italia.

Bene Mario Mauro, male Paolo Romani che, a nome del Cavaliere, continua a sostenere l’idea che la riforma strutturale del sistema istituzionale dell’Italia possa essere compiuta da una maggioranza parlamentare, che è minoranza nel Paese, ed espressione dell’illegittimo porcellum.

Possibile che il Presidente della Repubblica non comprenda che, in tale paradossale situazione, solo l’elezione di un’assemblea costituente o di un nuovo parlamento con funzione costituente possono avere la piena legittimità per riformare l’Italia?

Ettore Bonalberti
www.lademocraziacristiana.it
www.insiemeweb.net
www.don-chisciotte.net

ultima modifica: 2014-05-07T09:12:07+00:00 da Ettore Bonalberti

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: