Conversazione di Formiche.net con Enrico Musso, candidato del movimento I Liberali nella lista Scelta Europea, che oggi ha incassato l’endorsement di Gianfranco Fini.

Dopo la presentazione ufficiale a Roma, oggi è il giorno della trasferta milanese per i Liberali. Il nuovo movimento inaugura la campagna elettorale di Enrico Musso, candidato nelle file di Scelta Europea, la lista sostenuta da Scelta civica, Centro democratico e Fare per fermare il declino e che ha guadagnato l’endorsement dell’ex presidente della Camera Gianfranco Fini. “Ne siamo felici – commenta Musso in una conversazione con Formiche.net – ciò significa che il nostro messaggio è più aperto di quanto lo si pensi”.

SCELTA EUROPEA SI PRESENTA. LE FOTO

LA NOVITA’ DELL’ALDE
Anche secondo Musso, quella di Scelta europea è l’unica scelta potabile nel campo moderato: “Per la prima volta in Italia c’è una lista che è l’emanazione della famiglia europea dei liberaldemocratici. In mezzo ai tanti che si dicono liberali, questa è una grande novità”. Una famiglia che, nonostante la logica bipolare imperante tra socialisti e popolari, “è la terza forza europea e deve essere rappresentata anche nel nostro Paese”.

I LIBERALI E BERLUSCONI
Per questo, spiega Musso, ha poco senso una formazione che unisca tutti i popolari e i liberali che vada da Forza Italia all’Udc. “Anche perché se i programmi di Forza Italia erano condivisibili e in gran parte da considerare liberali, quello che è stato realizzato non lo è”.

LA CORSA CONTRO I SONDAGGI
Ecco perché i Liberali hanno scelto l’Alde, con una lista che ha avuto forti problemi di gestazione inizialmente, riconosce, ma che ora appaiono superati: “I liberali litigano spesso ma il risultato finale dimostra che poi a prevalere è il senso di responsabilità”. Con questo spirito e con la consapevolezza che c’è una larga parte di elettorato che si riconosce nei valori liberali in Italia, l’obiettivo è di raggiungere il quorum, “anche se restano forti dubbi di costituzionalità sulla soglia del 4%”, e smentire gli ultimi sondaggi che danno Scelta Europea a rischio.

Condividi tramite