Critica al rigorismo europeo, ma nessuna apertura all’uscita dell’Italia dall’euro. Enfasi allo sviluppo, ma nel solco di istituzioni europee coerenti con il Manifesto di Ventotene.

E’ questa la bussola che gli industriali seguiranno alle prossime elezioni europee del 25 maggio, secondo le parole del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ieri presente al seminario in cui ha parlato il premio Nobel per l’economia, Joseph Stiglitz.

(ECCO LE FOTO DI UMBERTO PIZZI SU STIGLITZ E FITOUSSI ALLA LUISS)

LE PAROLE DI SQUINZI

La riflessione di Stiglitz giunge nel vivo di una campagna cruciale per il futuro dell’Euro-zona e dell’Ue. È in tale orizzonte che il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, concorde con il ragionamento del Nobel, punta il dito contro i responsabili delle strategie comunitarie: “A causa di un rigorismo eccessivo e ottuso, privo del coraggio di mutare orientamento e rilanciare lo sviluppo grazie a istituzioni coerenti con il Manifesto di Ventotene, il Vecchio Continente non può trasformarsi nel più grande mercato e nella più vasta aggregazione manifatturiera del pianeta”.

NO AI PARTITI EURO-SCETTICI

Un’accusa impietosa che non si traduce nell’adesione alle tesi propugnate dalle forze ostili al percorso di integrazione monetaria. Rompendo una tradizione di neutralità elettorale, il numero uno di Viale Astronomia lancia un appello a non votare le formazioni euro-scettiche, “fautrici di un recupero di sovranità monetaria nazionale gravido di rischi e portatrici di un virus disgregatore che confinerebbe l’Italia alla marginalità”.

I MOVIMENTI AL BANDO

Quindi al bando, secondo un’interpretazione delle parole del numero uno della confederazione degli industriali, ci sarebbero di sicuro la Lega di Matteo Salvini, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo e Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Ma sicuramente anche l’Altra Europa di Tsipras non è nei cuori degli industriali, e fors’anche i toni anti euro di Forza Italia e di Silvio Berlusconi non sono apprezzati troppo da Squinzi.

LE PREFERENZE DI SQUINZI?

Quindi avanti tutta con Pd, Ncd-Udc e Scelta Europea?

(ALLA LUISS TRA SQUINZI E STIGLITZ SI AGGIRAVA PIZZI. ECCO LE FOTO)

Condividi tramite