Schauble, Renzi e la Babele sulla flessibilità delle regole Ue

Schauble, Renzi e la Babele sulla flessibilità delle regole Ue
Frasi, propositi e contraddizioni dopo il Consiglio europeo. Fatti e approfondimenti

La rassegna stampa è presa da Good Morning Italia e pubblicata con licenza Creative Commons. Per ricevere Good Morning Italia ogni mattina, direttamente sulla propria email, è possibile abbonarsi gratuitamente cliccando qui.

L’EUROPA SECONDO MATTEO
Il discorso
 Renzi inaugurerà il semestre italiano mercoledì con il discorso al Parlamento europeo. “Forse per la prima volta non parlerà a braccio”, scrive il Corriere. Ieri ha parlato di “generazione Erasmus, Europa luogo di speranza”. Giovedì e venerdì la Commissione guidata da Manuel Barroso arriva a Roma. Oggi il Consiglio dei ministri approverà alcune linee guida sulla giustizia (non l’intera riforma) e un’intesa Italia-Usa anti-evasione fiscale.

Questione di Erasmus La Stampa ha spulciato i curriculum e scoperto che solo il ministro Mogherini ha davvero fatto l’Erasmus (a Aix-en-Provence).

La famosa flessibilità Che dice il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schauble, della richiesta di maggiore flessibilità per la crescita economica? “In Europa, non ho sentito questa richiesta, né dal primo ministro italiano né da nessun altro”, ha detto alFt.

L’uomo dei conti Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, dice al Corriere che l’Italia non chiederà di toccare il 3%, ma la flessibilità “allenta di fatto il patto di stabilità” per circa 10 miliardi di euro.

Tutti gli occhi sul debito Per la riduzione del debito, Delrio parla di un “piano per la mutualizzazione”, con Euro Union Bond. “Si crea un fondo federale europeo al quale ogni Stato conferisce un pezzo del proprio patrimonio immobiliare e non. Sono garanzie reali che possono essere utilizzate in parte per investimenti strutturali in parte per alleggerire il debito pubblico”. Obiettivo un taglio del debito del 25-30%. Se Mogherini va in Europa, assicura Delrio, non si apre alcun rimpasto.

Welcome home, Mr Cameron Dopo la scoppola europea, il primo ministro inglese è atteso oggi alla Casa dei comuni (Guardian). Ieri ha telefonato a Juncker per complimentarsi della nomina, mentre Berlino, dopo aver incassato la vittoria, manda segnali distensivi: Schauble ha detto che un’uscita britannica dall’Europa è “inimmaginabile” (Ft). Il Regno Unito vive una “crisi di identità”, secondo il Nyt.

L’altra presidenza Non solo Italia e Europa: domani la Germania diventa presidente di turno del G7 (Reuters).

ultima modifica: 2014-06-30T09:04:48+00:00 da Good Morning Italia

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: