Ecco dove potrà anche investire la Cdp di Bassanini e Gorno Tempini

Ecco dove potrà anche investire la Cdp di Bassanini e Gorno Tempini
Che cosa cambia per il gruppo Cassa depositi e prestiti dopo la firma di un decreto da parte del ministero dell'Economia

La Cassa depositi e prestiti, controllata dal Tesoro, avrà sempre più un ruolo incisivo nell’economia nazionale. Infatti a breve potrà investire anche nei settori turistico-alberghiero, dell’agroalimentare e della distribuzione, della gestione dei beni culturali e artistici. Si allargherà a questi comparti il perimetro d’azione del  Fondo Strategico Italiano (FSI), il veicolo attraverso cui la Cassa Depositi e Prestiti acquisisce partecipazioni nel capitale di società di rilevante interesse nazionale con solide prospettive di crescita.

IL PASSATO

Sino ad oggi, l’attività del Fondo si è concentrata sui settori della difesa, della sicurezza, delle infrastrutture, dei trasporti, delle comunicazioni, dell’energia, delle assicurazioni, dell’intermediazione finanziaria, della ricerca e innovazione e dei servizi pubblici.

IL FUTURO

D’ora in poi, invece, grazie al decreto firmato dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il Fondo potrà investire anche in società operanti nei settori turistico-alberghiero, dell’agroalimentare e della distribuzione, della gestione dei beni culturali e artistici. “Si tratta di settori di particolare rilievo per l’economia italiana, che, caratterizzati da estrema frammentazione e ridotte dimensioni aziendali, potranno beneficiare di un nuovo strumento in grado di promuovere processi di aggregazione e sviluppo”, commenta la Cdp presieduta da Franco Bassanini e guidata dall’ad, Giovanni Gorno Tempini.

I NUMERI

Il Fondo potrà investire anche in società che, seppur non costituite in Italia, oltre ad operare nei suddetti settori, controllano società presenti sul territorio nazionale in possesso di particolari requisiti di fatturato (almeno 50 milioni di euro) e di dipendenti (in numero non inferiore a 250). In questo modo, peraltro, sarà ancora più agevole attrarre capitali stranieri e promuovere processi di internazionalizzazione.

CHE COSA NON CAMBIA

Resta, poi, confermata la possibilità per il Fondo di acquisire partecipazioni in società, che, pur non operando nei settori indicati, presentino un fatturato annuo netto non inferiore a 300 milioni di euro e un numero medio di dipendenti nell’ultimo esercizio non inferiore a 250, con un margine di ribasso del 20% qualora l’attività della società risulti comunque rilevante in termini di indotto e di presenza di stabilimenti produttivi.

LE CONDIZIONI PER INVESTIRE

In ogni caso – precisa il decreto, in linea con la ratio della disposizione istitutiva – le società oggetto dell’intervento del Fondo dovranno risultare in una stabile situazione di equilibrio finanziario, patrimoniale ed economico ed essere caratterizzate da adeguate prospettive di redditività.

ultima modifica: 2014-07-11T09:48:09+00:00 da Fernando Pineda

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: