E’ veramente autoerotico il ciuffo bianchissimo che ondeggia tra una tartina e l’altra, e che ondeggia felpato. Così come sono veramente autoerotiche le parole di De Bortoli e quelle di Rodotà contro lo stile Renzi. Siamo talmente combinati male, abbiamo talmente rimandato le cose da fare che ora, che non c’è proprio più niente da mungere, l’imperativo è uno soltanto: – tirare fuori gli attributi -. Invece, cosa ci tocca vedere? Le lotte interne al PD. Le pratiche autoerotiche, quelle fatte di distinguo e di approfondimento. La più grossa panzana che un cittadino normale deve ancora ingoiarsi è quella detta da quel montato di Rodotà, professore ordinario ovvio, che abbiamo caricato sullo stato di famiglia da un secolo, che fa l’endorsement di Maurizio Landini.
Vi ricordate quando tutti guardavano all’astro nascente, tutto a mandorla, di Sergio Cofferati, il cinese? Ecco, se speriamo che Landini o qualunque altro dei referenti dei corpi intermedi possa portare più denari nelle tasche degli italiani, trovare il modo di ridurre le tasse e attrarre capitali stranieri in Italia, beh stiamo freschi. Invitiamoli tutti ad andare di corpo, dunque. Intermedio, ovvio.

Condividi tramite