Social Bite is open today (Xmas) exclusively for you
Social Bite is open today (Xmas) exclusively for you

La notte e i giorni di festa, i momenti in cui si sente tutta la solitudine.  Quando la citta’ sembra chiusa ma la delinquenza vive, la devianza nasce, il disagio cresce. Mi trovo ad Edimburgo, nella old town, nei sentimenti piu’ sinceri e belli della vita, con la nostra piccola bimba nel marsupio del papa’ ed entrambi tra le braccia, tra una foto e l’altra, penso alle citta’, al senso delle feste e ai rischi e alle opportunita’ delle chiusure il giorno di Natale. Rimando al futuro o al passato (Liberalizzaci dal male, Rubbettino, 2012) le mie motivazioni “contro” le chiusure, non le risparmio invece per motivi personali al segretario generale Cisl di Milano (tanto piu’ se in quella citta’ puo’ capitare che si chiuda la metropolitana alle 19.30 …senza pensare che i mezzi pubblici  sono inclusione sociale), ma una apertura speciale devo raccontarla subito a tutti perche’ faccia pensare ad una pianificazione di aperture ed eventualmente chiusure che non rimandino alle famiglie la giornata del Santo Natale. Perche’? perche’ purtroppo non tutte le famiglie sono attrezzate per gestire in armonia una giornata cosi’ densa di emozioni, non vanno lasciate da sole, non vanno “chiuse” in casa, li’ dove forse neanche e’ piu’ una certezza per tutti, tra casi di occupazione abusive e di sgomberi forzati. Vanno accolte nei musei, nei teatri, nelle biblioteche ripensate sempre piu’ come luoghi di confronto e incontro, con iniziative utili al “life long learninig”, l’apprendimento per tutto l’arco della vita. Immagino chiese aperte giorno e notte, dove chiunque possa trovare di che nutrirsi e con cosa festeggiare, un’occasione per incontrare la fede, o di viverla insieme. Oltre la messa. Prima della liturgia.

Vi invito a leggere il cartellone affisso davanti un locale molto curato, “Buon cibo per buone azioni”, tra le vie principali di Edimburgo. Cercavamo un luogo alla buona per la cena, ogni locale sembra chiuso il 25, questo per fortuna non lo e’ mai per gli “homeless”.

Buon Natale, tra cenoni organizzati e nuove idee da mettere alla luce.

Condividi tramite