articleil commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Nils Muižnieks, ha fatto sapere che non ritiene che la pratica dell’infanticidio faccia parte delle sue competenze. ha così rifiutato di incontrare alcune ong che volevano informarlo dei feti, sottoposti ad aborto ma nati vivi, che sono lasciati morire o uccisi con iniezioni letali. suggerisco alle meritevoli ong di provare a rivolgersi alla commissione europea appellandosi, questa volta, al “piano d’azione comunitaria per la protezione e il benessere degli animali”. chi sa che non abbiano più fortuna…

Condividi tramite