La Shoah di Paul Celan

La Shoah di Paul Celan

Oggi si celebra la Giornata della Memoria. Mi sia consentito di onorare il ricordo della Shoah in modo un po’ irrituale, ovvero con una poesia. Il suo autore è Paul Celan (1920-1970), un ebreo che scelse di fare i conti con l’Olocausto componendo versi in lingua yiddish e in tedesco.

Theodor W. Adorno sosteneva l’impossibilità di fare poesia dopo Auschwitz. Con la sua lirica più celebre, “Todesfuge” (“Fuga di morte”), Celan aveva invece dimostrato non solo che era ancora possibile, ma che era anche necessario.

Iniziata nel 1945 e terminata Bucarest, durante la deportazione dei genitori nel lager di Michajolovka e lo sterminio degli ebrei della Bucovina, “Todesfuge” è un potente grido di dolore che si innalza nell’orrore infinito della realtà bestiale del campo di concentramento:

Nero latte dell’alba lo beviamo la sera
lo beviamo a mezzogiorno e al mattino lo beviamo di notte
beviamo e beviamo
scaviamo una tomba nell’aria là non si giace stretti
Nella casa abita un uomo che gioca con i serpenti che scrive
che scrive all’imbrunire in Germania i tuoi capelli d’oro Margarete
lo scrive ed esce dinanzi a casa e brillano le stelle e fischia ai suoi mastini
fischia ai suoi ebrei fa scavare una tomba nella terra
ci comanda ora suonate alla danza

Nero latte dell’alba ti beviamo la notte
ti beviamo al mattino e a mezzogiorno ti beviamo la sera
beviamo e beviamo
Nella casa abita un uomo che gioca con i serpenti che scrive
che scrive all’imbrunire in Germania i tuoi capelli d’oro Margarete
I tuoi capelli di cenere Sulamith scaviamo una tomba nell’aria là non si giace stretti

Lui grida vangate più a fondo il terreno e voi e voi cantate e suonate
impugna il ferro alla cintura lo brandisce i suoi occhi sono azzurri
spingete più a fondo le vanghe voi e voi continuate a suonare alla danza

Nero latte dell’alba ti beviamo la notte
ti beviamo a mezzogiorno e al mattino ti beviamo la sera
beviamo e beviamo
nella casa abita un uomo i tuoi capelli d’oro Margarete
i tuoi capelli di cenere Sulamith lui gioca con i serpenti
Lui grida suonate più dolce la morte la morte è un maestro tedesco
lui grida suonate più cupo i violini e salirete come fumo nell’aria
e avrete una tomba nelle nubi là non si giace stretti

Nero latte dell’alba ti beviamo la notte
ti beviamo a mezzogiorno la morte è un maestro tedesco
ti beviamo la sera e la mattina e beviamo e beviamo
la morte è un maestro tedesco il suo occhio è azzurro
ti colpisce con palla di piombo ti colpisce preciso
nella casa abita un uomo i tuoi capelli d’oro Margarete
aizza i suoi mastini contro di noi ci regala una tomba nell’aria
gioca con i serpenti e sogna la morte è un maestro tedesco

i tuoi capelli d’oro Margarete
i tuoi capelli di cenere Sulamith

ultima modifica: 2015-01-27T08:00:31+00:00 da Michele Magno

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: