Secondo un’indagine Ivass chi cambia assicurazione auto ogni anno può risparmiare fino al 22% sul premio annuale rispetto a chi rimane con la stessa compagnia

Cambiare assicurazione auto spesso fa risparmiare. È l’Ivass a confermarlo, annunciando che cambiando compagnia si può arrivare a pagare fino al 22% in meno sul costo del premio annuale rispetto a quanto succederebbe rimanendo per un secondo anno con la stessa società. Se anche tu vuoi risparmiare ti conviene quindi muoverti per tempo prima della scadenza della tua polizza, magari utilizzando un comparatore on line come SuperMoney per analizzare le proposte di assicurazione auto presenti sul mercato e scegliere quella più vantaggiosa per le tue particolari esigenze.

Se questo metodo può permetterci di risparmiare un po’ sul premio annuale è il benvenuto, anche se comporterà qualche sforzo in più per trovare di anno in anno la soluzione più conveniente. Già, perche le polizze auto italiane sono le più care d’Europa, parola di Salvatore Rossi, Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’Ivass, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni.

Assicurazione auto, il costo è in calo

Certo, a onore del vero va anche detto che nel corso degli ultimi due anni le polizze di assicurazione auto in Italia hanno visto i loro prezzi ridursi. Solo nel 2014 il costo delle polizze auto si è ridotto dell’8%, un risultato niente male.

“Se questa tendenza proseguisse allo stesso ritmo nei prossimi anni e i prezzi negli altri Paesi europei restassero invece sui livelli del 2012 – spiega con ottimismo Salvatore Rossi – il divario di prezzo medio fra il nostro Stato e il resto d’Europa si annullerebbe entro il 2020“.

Dietro a questo trend molto positivo per gli automobilisti del Bel Paese ci sono il calo del numero degli incidenti e il costo dei risarcimenti. Il rapporto tra numero di mezzi circolanti e incidenti è infatti sceso al 6% nel 2014 rispetto al 7,4% del 2011.

Assicurazione auto: aumenta la concorrenza e la mobilità dei clienti

Rossi ha spiegato inoltre come negli ultimi due anni sia aumentata la concorrenza e la diversificazione dei prodotti del settore assicurativo. In crescita anche la mobilità dei clienti tra una compagnia e l’altra, in virtù di sconti e offerte vantaggiose riservate proprio ai nuovi clienti.

“Un assicurato su sei ha cambiato compagnia lo scorso anno, spuntando una riduzione di prezzo pari in media al 22% rispetto al contratto precedente, mentre chi è rimasto fedele alla sua compagnia – rileva Rossi – ha beneficiato sì di una riduzione di prezzo, ma solo del 5%.”

Grazie alla prevenzione delle frodi previsti ulteriori ribassi

Nei prossimi mesi la convenienza delle polizze di assicurazione auto dovrebbe aumentare ancora grazie alle iniziative prese per contrastare le frodi alle compagnie assicurative. Si parla soprattutto dell’Archivio Integrato Antifrode (AIA), a cui l’Ivass sta già lavorando.

Perché lo strumento funzioni, però, occorre che anche le singole compagnie assicurative implementino i propri sistemi informatici per essere in grado di alimentare, per quanto di loro competenza, l’Archivio. Dalle ispezioni effettuate dall’Ivass, diverse sono le società ancora in ritardo su questo punto.

Condividi tramite