Oggi è la festa dei nonni e google ha festeggiato questa ricorrenza con due bellissime immagini che vi ripropongo qua sotto:

 

grandparents-day-2015-italy-5204406777675776-5161210659995648-ror

grandparents-day-2015-italy-5204406777675776-5757334940811264-ror

 

In pochi sanno che la festa dei nonni è istituita per legge in Italia. Si tratta di una vera e propria festa civica introdotta nel 2005 con la legge n.159. In altri Paesi però era già stata introdotta ufficialmente, per esempio negli USA nel 1978, in Francia nel 1987, in Gran Bretagna nel 1990 e così via.

L’importanza delle nonne e dei nonni ha un valore così grande che non poteva non essere istituzionalizzata. Nei sistemi di welfare mediterranei il ruolo delle nonne e dei nonni è poi centrale per il funzionamento stesso della società. Lo sappiamo molto bene noi in Italia, dove la famiglia è di fatto l’agenzia che supplisce alle assenze dello Stato. Le nonne e i nonni sono la garanzia su cui molte giovani generazioni poggiano.

Ma il valore delle nonne e dei nonni va molto oltre. Si tratta di un valore morale, sentimentale, culturale, sociale di portata unica. L’incontro tra generazioni distanti, la presenza di figure sagge ed esperte che guidano i passi delle nipoti e dei nipoti. Un legale unico che è un dono.

Per chi come me ha avuto la fortuna di conoscere tutte le nonne e i nonni, e nel mio caso addirittura due bis-nonne, è chiaro. Ma credo lo sia anche per chi, purtroppo, questa fortuna non l’ha avuta.

Mia nonna paterna ha 86 anni e per me è importantissima. La sua vita è per me un esempio. La sua presenza una sicurezza. L’ascolto ore parlare del passato. Era grande quando c’era la guerra e ricorda tutto molto bene. Mi parla di una storia che ho letto sui libri e lei l’ha vissuta. Mi racconta degli orrori che ha dovuto sopportare. Della fame e della miseria, quella vera. Ha la sua personalità. Ha le sue idee. Lei è figlia del primo novecento. Certe cose non le arriverà mai a comprendere o accettare forse. Troppe cose “nuove” in questa società.

Le dico a volte: “nonna, ma sei dura!” perché si ostina a fare le stesse cose anche quando le dico c’è un modo diverso per farle. E lei mi risponde serena: “se non ero dura, a quest’ora non ero qui”.

E ha tanta ragione. A mia nonna il mio grazie per tutto. Per esserci. E a voi un suggerimento: chiamate i vostri nonni, le vostre nonne. Abbracciateli, stringeteli a voi. Godetevi questo dono perché è inestimabile.

A tutte le nonne e a tutti  i nonni del mondo: un abbraccio sincero.

Condividi tramite