169e1-stalinnon per dovere di verità, ma in ogni caso per l’altrettanto nobile esigenza di preservare la salute delle sue marianne, la francia ha approvato una legge per la quale “la menzione «foto ritoccata» sarà obbligatoria nelle riviste e nelle pubblicità «ogni volta che l’ apparenza corporea sarà modificata per affinarne o ingrossarne la silhouette»”. anche se ne dubito, spero che la italica esterofilia porti ad imitare, quanto prima, l’esempio francese, estendendolo a tutte le foto non artistiche perché l’uso di photoshop  è incompatibile con il dovere di verità dei media (“il fotoritocco di simona ventura mina la democrazia italiana” – “photoshop, la complice omertà dei giornali“)

Condividi tramite