L’evento nasce per promuovere strategie e prospettive per la valorizzazione del patrimonio culturale
L’appuntamento è per questo pomeriggio e domani alla Reggia di Caserta e agli Scavi di Pompei
Sarà presentato lo Studio “Il patrimonio culturale italiano: quale valore e quale prospettiva” – a cura di Price Waterhouse Coopers

Roberta Vitale
Roberta Vitale

“Abbiamo il dovere come giovani imprenditori di proporre una visione di medio lungo termine per la valorizzazione del nostro patrimonio. Non può esserci contrapposizione tra pubblico e privato, ma azione sinergica: costituendo partenariati a livello locale, attraverso la creazione di laboratori regionali che siano in grado di mettere a sistema tutte le forze in campo. Un progetto che può partire da Pompei, dalla Campania, dal Sud e divenire modello per tutto il Paese”

Non usa mezzi termini la presidente nazionale dei Giovani Ance Roberta Vitale nel presentare “ImpresArte”, un evento congiunto organizzato dai Giovani Imprenditori di Confindustria Campania e i Giovani dell’Ance Campania che si terrà oggi e domani tra Caserta e Pompei.
Oltre 300 imprenditori under 40, provenienti da tutta Italia, si riuniranno nelle splendide cornici della Reggia di Caserta e degli Scavi di Pompei.

Un evento pensato con lungimiranza e visione da Roberta Vitale e dal Presidente dei Giovani Imprenditori di Confidustria Marco Gay per accendere i riflettori sulla valorizzazione della cultura nelle sue diverse sfaccettature e sulle strategie e prospettive da poter mettere in campo per una reale generazione di valore dell’immenso patrimonio artistico, pubblico e privato.

Nunzia Petrosino
Nunzia Petrosino

“Abbiamo scelto- dichiara la presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Campania Nunzia Petrosino- di parlare di valorizzazione del patrimonio culturale proprio in occasione di quella che il ministro Franceschini ha definito “la primavera dei Musei”. Il 2015 è stato caratterizzato da numeri molto positivi per il turismo ma c’è ancora molto da fare. L’offerta turistica italiana può e deve essere potenziata e incrementata e in questo gli imprenditori, soprattutto gli under40, possono offrire un concreto contributo. Si può fare tutelando e valorizzando le materie prime di cui siamo ricchi, i beni culturali, e investendo in ricerca e innovazione. Sono queste le leve dello sviluppo futuro e ImpresArte vuole offrire l’occasione per confrontarci e tracciare insieme un percorso nuovo.”

L’Italia possiede un primato unico al mondo, quello di avere il più ampio patrimonio culturale a livello mondiale con oltre 3.400 musei, 2.100 aree e parchi archeologici e 43 siti Unesco. Il ritorno degli asset culturali Italiani, tuttavia, è frequentemente inespresso sia in termini di ricaduta economica che di sviluppo sociale dei territori.

Susanna Moccia
Susanna Moccia

“I giacimenti culturali- dichiara la presidente Giovani Imprenditori Unione Industriali di Napoli Susanna Moccia- rappresentano per il nostro Paese uno straordinario volano di sviluppo. Le regioni del Mezzogiorno racchiudono un tesoro prezioso, spesso non valorizzato adeguatamente. Da qui l’idea di una riflessione profonda e comune su come trasformare queste risorse in fattori concreti di sviluppo. La strada passa per l’innovazione e il nostro territorio, a partire dalla provincia di Napoli, è ricco di imprese e startup, sempre più spesso guidate da giovani, capaci di fare la differenza. È anche questo che vogliamo dimostrare domani a Pompei.”

A Susanna Moccia fa eco il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Salerno Francesco Giuseppe Palumbo.

Francesco Giuseppe Palumbo
Francesco Giuseppe Palumbo

“È’ arrivato il momento di voltare pagina e di lasciarsi definitivamente alle spalle quell’immagine negativa che troppe volte è’ stata data ingiustamente alla Campania. La nostra storia, la nostra tradizione rappresentano il punto di partenza per poter scrivere una nuova storia valorizzando in maniera concreta ma soprattutto lungimirante, tutto il potenziale artistico e culturale che il nostro patrimonio territoriale esprime. Se coniughiamo tutto questo con l’innovazione e la passione che i giovani imprenditori hanno nel proprio DNA allora siamo sulla strada giusta,perché il futuro è già domani e non ha più tempo per attendere. ImpresArte deve rappresentare una frontiera dell’impresa, un nuovo approccio al patrimonio artistico e culturale di un territorio che deve mostrarsi pronto al cambiamento e trasformare in opportunità ogni potenzialità.”

“Nel mondo- dichiara la presidente di Ance Campania Angela Verde- il patrimonio culturale rappresenta un elemento fondamentale per lo sviluppo. In Italia, purtroppo, non siamo riusciti a fare del nostro immenso patrimonio un polmone di ricchezza condivisa. Una risposta potrebbe venire da un’azione reticolare a supporto del turismo: creando su una rete di infrastrutture e rigenerazione urbana, di servizi e di attrattori perché i turisti arrivino, siano soddisfatti e tornino spesso.”

I lavori si apriranno questo pomeriggio a Caserta, con una sessione a porte chiuse dedicata al Consiglio Centrale congiunto dei Giovani Imprenditori di Confindustria e dei Giovani Imprenditori dell’Ance presso la Cappella Palatina della Reggia.

Seguirà domani, a partire dalle 10, presso l’Auditorium degli Scavi di Pompei, il Convegno “Industria, cultura, creatività: Laboratorio Campania”.

“La Campania- dichiara il Presidente Giovani ACEN Antonio Giustino- si presta ad essere un laboratorio dove sperimentare un percorso di valorizzazione degli attrattori culturali e delle aree prossime agli stessi, secondo logiche innovative.

Antonio Giustino
Antonio Giustino

La valorizzazione di un bene storico e culturale si attua attraverso interventi e manutenzioni sui manufatti con tecniche innovative e rispettose del valore artistico e culturale del bene, rendendolo così davvero fruibile alla collettività.
Abbiamo pensato ad un concetto di rilancio del territorio innovativo che parte da interventi di valorizzazione degli attrattori culturali che innescano a loro volta un meccanismo di attivazione delle economie connesse al turismo ed alla cultura sul territorio, come delle onde concentriche che, partendo dal bene valorizzato, si propagano sui territori con effetti benefici per l’economia e la società.
Gli interventi sugli attrattori culturali possono avvenire anche in Partenariato pubblico-privato e quindi con risorse miste e sarà proprio la rete fra imprenditori ed istituzioni uno degli elementi chiave per cogliere la sfida della rinascita dei territori a partire dalla valorizzazione del potenziale dei poli culturali presenti in Campania ed in Italia.”

Marco Gay
Marco Gay

Questo il programma completo di sabato 30 aprile:

Saluti Istituzionali
Ferdinando Uliano, Sindaco di Pompei
Nunzia Petrosino, Presidente GI Confindustria Campania
Angela Verde, Presidente GI Ance Campania

Intervento
Antimo Cesaro, Sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

Presentazione dello Studio
“Il patrimonio culturale italiano: quale valore e quale prospettiva”
Mauro Panebianco, Partner Price Waterhouse Coopers

Intervento
Roberta Vitale, Presidente Giovani ANCE

Tavola rotonda
Patrimonio Impresa: dal passato costruiamo il futuro

Mauro Felicori, Direttore Reggia di Caserta
Patrizia Boldoni, Presidente Scabec
Mariagrazia Falciatore, Responsabile Programmazione Unitaria Regione Campania
Ennio Rubino, Presidente Distretto Tecnologico per l’Edilizia Sostenibile -Stress Scarl
Antonio Giustino, Presidente Giovani ACEN

Tavola rotonda
Palestra di giovani leader: beni culturali e nuove prospettive di sviluppo industriale

Susanna Moccia, Presidente GI Unione degli Industriali di Napoli
Luca Ponzio, Presidente Haltadefinizione
Andrea Lacalamita, Homepal
Armando Di Nardo, Docente Seconda Università di Napoli Co-Founder HUB spa

Tavola rotonda
Industria, arte e cultura: nuove prospettive per uno sviluppo economico sostenibile

Massimo Osanna, Direttore Generale Soprintendenza speciale di Pompei*
Amedeo Lepore, Assessore alle Attività produttive – Regione Campania
Umberto Minopoli, Presidente Sviluppo Campania
Mario Casillo, Delegato Regione Campania Grande Progetto Pompei

Conclusioni Marco Gay, Presidente GI Confindustria.
Modera la giornalista Helga Cossu.

Condividi tramite