Siamo agli sgoccioli, mancano pochi giorni al 16 giugno, termine per il versamento delle imposte sui redditi e come ogni anno il MEF ha comunicato lo slittamento dei termini al 6 luglio.

La proroga non riguarderà tutti, ma solo i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore ovvero professionisti, ditte individuali e società; rimangono esclusi, quindi chiamati al versamento giovedì entro le ore 24:00 le persone fisiche.

Un intervento in extremis è comunque ben accetto ma se fatto con maggior tempestività avrebbe sicuramente facilitato la vita di molti professionisti soffocati dalle numerose imposte in scadenza il 16 giugno.

Oltre ai termini ordinari per i versamenti, 16 giugno per le persone fisiche e contribuenti minimi e 6 luglio per i soggetti agli studi di settore, esiste la possibilità di versare con una maggiorazione dello 0,4% senza dunque incorrere in sanzioni entro le seguenti date:
• 18 luglio – PERSONE FISICHE
• 22 agosto – CONTRIBUENTI SOGGETTI AGLI STUDI DI SETTORE

E’ inoltre importante ricordare per coloro che non avessero la disponibilità immediata delle somme dovute, che è possibile effettuare i versamenti del saldo e degli acconti in maniera rateale, con interessi ridotti e senza sanzioni.

Condividi tramite