Se l’Italia dimentica Charles Gounod e Claude Debussy

Se l’Italia dimentica Charles Gounod e Claude Debussy
Quest’anno ci sono due ricorrenze importanti nel mondo della musica: il bicentenario della nascita di Charles Gounod (1818-1893) e il centenario della morte di Claude Debussy (1862-1918). Ma, in Italia, hanno avuto meno eco di quella che avrebbero meritato

Quest’anno ci sono due ricorrenze importanti nel mondo della musica: il bicentenario della nascita di Charles Gounod (1818-1893) e il centenario della morte di Claude Debussy (1862-1918). Diversissimi, i due compositori, in quanto stilemi musicali ed epoche culturali di riferimento, hanno però un legame “italiano” comune: sono stati ambedue vincitori, in giovinezza, del prestigioso Prix de Rome e hanno soggiornato per un esteso periodo a Villa Medici, sede italiana de l’Académie de France.

Le due ricorrenze, in Italia, hanno avuto meno eco di quella che avrebbero meritato. Gounod è stato celebrato dal Centre pour la musique romantique française di Palazzetto Bru Zane, che ha organizzato un festival di Gounod, producendo lavori e opere rare. La più nota opera lirica del compositore, Faust, è stata inoltre messa in scena dai teatri di Piacenza e Reggio Emilia, in un interessante allestimento del gruppo teatrale di avanguardia Anagoor.

Per quanto riguarda Debussy, invece, la sua musica da camera è stata eseguita in numerose associazioni di “amici della musica”, ma nessuno dei maggiori teatri lirici ha avuto il coraggio di proporre il suo capolavoro per il teatro in musica Pelléas et Mélisande (che manca alla Scala di Milano dal 2005 e all’’Opera di Roma dal 2009, ma di cui si è visto un buon allestimento a Firenze nel 2015).

Il 25 marzo (data della morte), alle 10 del mattino (orario poco comodo per molti) Pelléas et Mélisande è stata trasmessa da Rai5 in forma di concerto con l’Orchestra sinfonica nazionale della Rai. Mancano all’appello anche Le Martyre di Saint Sébastien (su testi di Gabriele D’Annunzio) e i balletti Jeux e L’après-midi d’un faune. Occorre ammettere che i due maggiori lavori per il teatro di Debussy hanno, a torto più che a ragione, la fama di non attirare pubblico pagante.

Solo l’Accademia filarmonica Romana, in collaborazione con l’Accademia nazionale di Santa Cecilia, ha realizzato un vero e proprio festival di musica cameristica del compositore, Prospettiva Debussy, iniziato il 21 gennaio ed esteso su sei concerti domenicali pomeridiani cadenzati sino al 22 aprile e tenuti nella piccola e deliziosa Sala Casella nei Giardini della Filarmonica di Roma.

Inoltre, il Festival pianistico internazionale di Brescia e Bergamo dedica a Debussy un festival nel festival con concerti al Museo diocesano e nella sede della Provincia di Bergamo e chiude il programma agli Arcimboldi di Milano il 10 giugno con Prélude à l’après-midi d’un faune in apertura di programma.

Digitando su un motore di ricerca il nome di Debussy sono più di dieci milioni le pagine che compaiono, un milione di video su YouTube e il primo della classifica, un The best of Debussy, è stato visto e ascoltato 17 milioni e mezzo di volte. L’opera completa del musicista è stata raccolta in un cofanetto della Warner realizzato appositamente per il centenario, con in copertina La grande onda di Hokusai: 33 Cd con titoli del catalogo Emi e di quello Warner, fra cui L’enfant prodigue, scena lirica che valse a Debussy il Prix de Rome, il balletto Jeux e Le martyre de Saint Sébastien su libretto di D’Annunzio. Tra le altre, anche versioni delle partiture del musicista francese non ancora registrate, commissionate e realizzate appositamente per il box.

Occorre chiedersi se, data l’importanza di Gounod e di Debussy, non si sarebbe potuto fare di più. Ma dato che alcune stagioni aprono, di consuetudine, in autunno, c’è forse ancora tempo perché nella seconda parte del 2018 vengano prese interessanti iniziative, anche in forma di concerto, in loro onore.

ultima modifica: 2018-05-27T11:30:54+00:00 da Beckmesser

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: