Perché oggi serve una coalizione mondiale per la democrazia. Parla Madeleine Albright

Perché oggi serve una coalizione mondiale per la democrazia. Parla Madeleine Albright
Il discorso della diplomatica statunitense, prima donna Segretario di Stato degli Stati Uniti durante il secondo mandato presidenziale di Bill Clinton, tenuto a Berlino durante il summit 360/OS organizzato dal Digitale Forensic Research Lab del think tank Atlantic Council

Come dico spesso ai miei studenti, sono nata a metà strada tra la scoperta del fuoco e l’invenzione dell’iPad. Per dimostrare la mia buona fede verso la tecnologia, dico anche ai miei studenti che sono stata in un’auto senza conducente, ho passato del tempo in una realtà virtuale, e ho preso l’abitudine di visitare la Silicon Valley per incontri con i leader del mondo tecnologico – la maggior parte dei quali ha l’età dei miei nipoti.

Quelle visite non sono senza rischi. Durante una visita in una start-up, mi sono scontrata con un robot. La mia comprensione di come funziona la tecnologia può essere basata sulla fede, ma la mia percezione del suo impatto sugli affari internazionali deriva dall’esperienza.

Sono anche una professoressa e ho dedicato gran parte della mia carriera accademica allo studio di una materia direttamente legata alla nostra discussione odierna: il ruolo dell’informazione nel cambiamento politico. La mia ricerca si è concentrata sul blocco sovietico, un argomento che negli ultimi tempi è diventato fin troppo rilevante. Negli anni ’70, scrissi la mia tesi di laurea sulla stampa libera cecoslovacca e sulla Primavera di Praga. Nei primi anni ’80, ho viaggiato in Polonia per studiare la stampa clandestina del movimento Solidarność. Ho incontrato dozzine di giornalisti, i quali mi hanno detto che mentre stavano iniziando a consegnare i giornali ai lavoratori nelle fabbriche, hanno scoperto che avrebbero potuto aumentare la velocità di comunicazione e la portata del loro “messaggio” utilizzando ciò che allora era considerato uno strumento di avanguardia tecnologica: l’audiocassetta.

Ricordo di aver pensato a quei nastri nel 2011, visto che gli attivisti in Tunisia e in Egitto hanno utilizzato i social media per organizzare, comunicare e infine rovesciare due regimi radicati. È stato facile, nel periodo immediatamente successivo alla primavera araba, credere che questi nuovi strumenti di comunicazione avessero trasformato la politica solo in meglio, e che la diffusione di Twitter e Facebook avrebbe inevitabilmente portato a società più aperte e democratiche. Ma quelle opinioni si sono rivelate troppo ottimistiche – perché come tante altre cose, la tecnologia è un’arma a doppio taglio.

Negli ultimi anni, i nemici della democrazia sono diventati esperti nell’inquinare le piattaforme dei social media con voci, disinformazione e propaganda antidemocratica. Queste menzogne ​​vengono poi utilizzate da movimenti politici predatori che violano ciò che eravamo soliti considerare i limiti accettabili del dibattito civile. Vengono anche sfruttate da leader politici che promettono risposte facili, strumentalizzando le divisioni sociali per i loro scopi e professando falsità ad ogni respiro.

Nel frattempo, i leader che giocano secondo le regole stanno avendo difficoltà a superare un ciclo di notizie inarrestabile, devono dedicare troppi sforzi alla questione nel tentativo di smentire storie che sembrano uscire dal nulla, inventate solo per riuscire ad inserirsi nel dibattito. Tutto ciò ha delle conseguenze, ed è per questo che le persone che una volta annunciavano la nascita dell’era dei social media si stanno chiedendo se la democrazia possa sopravvivere a questa epoca.

Wael Ghonim, il blogger che ha contribuito ad accendere la Primavera araba egiziana, ha riassunto il problema nel modo seguente: “Mentre i social media erano visti come un mezzo liberatorio per dire la verità sul potere, ora il problema è come dire la verità sui social media”. Certo, le campagne di disinformazione non sono affatto nuove. Durante la guerra americana per l’indipendenza, il ministro ribelle degli Stati Uniti presso Parigi, Benjamin Franklin, utilizzò la sua macchina da scrivere per diffondere storie che aveva inventato sulle atrocità britanniche. E sotto i sistemi comunisti che ho studiato, le fonti di informazione ufficiali non erano altro che strumenti nelle mani della propaganda governativa. Tuttavia, solo perché una tecnica non è nuova non significa che non sia pericolosa.

Il costo di diffondere falsità attraverso i social media è minimo e quindi, per coloro che ne sono esperti, è il solo sforzo richiesto. Il dispiegamento dei difensori della verità è utile, ma ci può sembrare di aver mandato una tartaruga alla ricerca di una lepre che non ha intenzione di rallentare.

Avendo trascorso del tempo a Bruxelles e Berlino questa settimana, so che gli Stati membri e l’Unione europea stanno portando avanti una serie di iniziative politiche, stabilendo un quadro per il ruolo che i regolatori possono svolgere nell’affrontare questa sfida. Parlando francamente, l’Europa è molto più avanti degli Stati Uniti quando si tratta di protezione online. Molti prevedono che il nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati diventerà nel tempo lo standard globale. Bruxelles è stata al centro delle azioni per regolamentare le società Internet basate negli Stati Uniti. Nel mio Paese, due elementi principali hanno complicato e rallentato sforzi simili.

In primo luogo, i nostri attuali Congresso e Amministrazione respingono istintivamente ogni regolamentazione sensata e, in questo caso, possono affermare che le regole soffocheranno l’innovazione che ha reso il nostro settore IT il più dinamico al mondo. In secondo luogo, la persistente confusione e l’asprezza delle elezioni presidenziali del 2016 – insieme alle indagini in corso sulla natura e la portata delle interferenze elettorali della Russia – hanno limitato gli sforzi ufficiali per fermare la disinformazione. Sono stata preoccupata per un po’ del problema della disinformazione che si è trasformata in una questione partigiana nel mio Paese. È una minaccia per le nostre istituzioni democratiche, per i partiti politici di destra e di sinistra e per i Paesi di entrambe le sponde dell’Atlantico. Non possiamo dimenticarlo.

Inoltre, non possiamo dimenticare che la Russia non è l’unica praticante di queste arti oscure. Questa è diventata una minaccia mondiale, con la Corea del Nord, la Cina, il Venezuela, le Filippine e la Turchia che impiegano opinionisti sui siti web. I movimenti politici estremisti, compresi i gruppi terroristici, si stanno impegnando nella stessa direzione. Abbiamo quindi bisogno di una risposta globale che coinvolga i governi, la società civile, l’industria tecnologica e gli esperti che costruiscono e migliorano gli strumenti che usiamo. Tutti questi attori hanno un ruolo da svolgere nel proteggere la democrazia, ma gli operatori delle piattaforme di social media hanno il dovere, in particolare, di rispondere di quanto appare su di essi e di proteggere i propri utenti.

L’idea che queste aziende non abbiano alcuna responsabilità sull’impatto dei contenuti che appaiono nelle piattaforme è conveniente e seduttiva per molti specialmente se articolata come un modo per difendere la libera espressione. Tale approccio, tuttavia, comporta il rischio di non riuscire a risolvere i problemi fondamentali. O, peggio ancora, i governi si sentiranno in dovere di imporre quel tipo di regolamento che potrebbe alla fine corrodere sia la democrazia che la libertà. Credo che ci sia un altro percorso, che implica una più stretta cooperazione tra le società tecnologiche e che possa difendere la democrazia in tutto il mondo.

Come presidente del National Democratic Institute, con sede negli Stati Uniti, sono coinvolta in una nuova iniziativa che mira a forgiare questo tipo di cooperazione. La chiamiamo la Design 4 Democracy Coalition. Con il sostegno dell’industria tecnologica, l’iniziativa mira ad unire gli attori chiave della democrazia globale, compresi i partiti politici di tutti gli spettri ideologici, le organizzazioni di monitoraggio parlamentare, i partner tecnologici e gli osservatori elettorali. Il nostro obiettivo è rendere più facile per questi gruppi impegnarsi e coordinarsi direttamente con le aziende tecnologiche e viceversa. Ciò aiuterà i sostenitori e i professionisti della democrazia ad accedere agli ultimi strumenti e alle migliori pratiche per rispondere alla disinformazione. E, se fatto bene, aiuterà anche la comunità tecnologica a capire e muoversi prima per risolvere i problemi relativi alla democrazia sulle loro piattaforme.

Quando è necessario un maggiore sostegno per spingere le aziende tecnologiche a fare non solo ciò che è nell’interesse della democrazia, ma anche delle loro piattaforme, la neonata coalizione sarà in grado di agire attraverso un fronte coordinato e unito. La coalizione completerà l’importante lavoro che altre organizzazioni, tra cui il Digital Forensic Research Lab dell’Atlantic Council, stanno facendo per denunciare e combattere la disinformazione. Come dimostra questa conferenza, c’è una rete emergente di operatori nell’ambito tecnologico, attivisti per la democrazia e esperti di politica, molti dei quali attingono da paesi in prima linea nelle battaglie di disinformazione. È importante che questa rete si allarghi e si approfondisca, perché ciò a cui abbiamo assistito finora in termini di disinformazione è solo l’inizio. Sta diventando fin troppo semplice generare prodotti che mostrano agli utenti figure politiche fare cose che non hanno fatto e dire cose che non hanno mai detto.

L’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico semplificano non solo la distribuzione di messaggi a un pubblico mirato, ma anche la generazione di contenuti altamente mirati agli utenti in base ai loro dati personali.
Immagina un agente straniero strisciare nella tua camera ogni notte a sussurrare bugie nelle tue orecchie, quindi moltiplicare il numero di agenti e le menzogne ​​molte volte. Se una bugia viene ripetuta 10 volte, può essere corretta; se una bugia viene ripetuta migliaia di volte, rischia di essere accettata come verità. Dobbiamo capire il tipo di pericolo che rappresenta. Dopotutto, senza il rispetto per la verità, non ci sarebbe civiltà.

Ecco perché anche i primissimi codici di legge dell’antica Babilonia includevano sanzioni per falsa testimonianza.
La verità è la base dei patti sociali e degli accordi commerciali. È la chiave per relazioni onorevoli tra persone e nazioni. È essenziale dimostrare le teorie, educare i bambini o fornire le basi per il governo attraverso e per i cittadini. È anche la nostra arma più potente nella lotta contro dittatori e despoti. Dobbiamo ricordare costantemente a noi stessi che esiste una ragione per cui crediamo nella trasparenza, a differenza di chi appoggia regimi autoritari. Siamo interessati ai fatti oggettivi perché sono, il più delle volte, dalla nostra parte. Ma dobbiamo anche ricordarci che non c’è nulla di nuovo nella sfida delle istituzioni contro la loro stessa adattabilità, nel tentativo di stare al passo con il cambiamento.

Tomas Masaryk, il primo presidente della mia nativa Cecoslovacchia, era solito meravigliarsi della trasformazione delle abitudini e dei discorsi pubblici a seguito dall’invenzione del giornale della domenica. La radio divenne uno strumento politico senza precedenti nelle mani di Franklin Roosevelt e Adolf Hitler. La televisione ha portato immagini grafiche di guerra, povertà e carestia nei nostri salotti per la prima volta.
Ora ci troviamo di fronte a una nuova era con nuovi strumenti che hanno il potere di diffondere le informazioni attraverso la rete con velocità e dimensioni senza precedenti. Non abbiamo altra scelta che accettare questa sfida e esplorare insieme il modo migliore di lavorare insieme per il bene comune.

Nell’impegnarci in questo sforzo spero riusciremo a tenere a mente che – sebbene viviamo in un mondo di cambiamenti – ciò che conta di più non deve cambiare. E questo è il nostro impegno fondamentale per i valori democratici, il nostro rispetto reciproco e il nostro impegno per la giustizia e la dignità di ogni essere umano.

Se abbandoniamo questi principi, perderemo la nostra strada. Ma se li teniamo stretti, non sbaglieremo.

ultima modifica: 2018-06-24T13:20:11+00:00 da Redazione

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: