commentano che mai, prima di ketil solvik-olsen, un uomo avesse rinunziato alla propria carriera per quella della moglie. mi sembra alquanto ardito, ma non posso dimostrarlo. certo, trattandosi del ministro dei trasporti norvegesi, la rinunzia fa scalpore. “adesso tocca a mia moglie realizzare il suo sogno”, ha dichiarato l’ormai ex ministro. chapeau! ma, da ieri, non posso fare a meno di chiedermelo: per la norvegia le dimissioni di solvik-olsen sono la fine di un sogno o di un incubo?

Condividi tramite