Conflict diplomacy nell’era digitale. Il seminario alla Link Campus (19 e 20 settembre)

Conflict diplomacy nell’era digitale. Il seminario alla Link Campus (19 e 20 settembre)
Come cambiano i conflitti nell'era digitale? Quali sono i rischi e quali, invece, le opportunità che la tecnologia offre nel panorama geopolitico internazionale? Di questo e molto altro si parlerà il 19 e 20 settembre presso la Link Campus University con alcuni dei maggiori esperti provenienti dal mondo accademico, diplomatico e politico

Nei giorni 19 e 20 settembre, la Link Campus University e il Boris Mints Institute della Tel Aviv University organizzano un seminario internazionale sul tema Conflict Diplomacy in the Digital World.
L’iniziativa si articolerà in diversi workshop, e vedrà la presenza di importanti personalità italiane e internazionali. Le riflessioni si svilupperanno tra il coté accademico, quello diplomatico e quello politico.

Dopo le introduzioni di Vincenzo Scotti (presidente di Link Campus University), Boris Mints (presidente di BMI) e Itai Sened (direttore di BMI), il primo appuntamento, moderato da Piero Schiavazzi (Link Campus University), discuterà di The Peace Process in Colombia – Why Did it Work con Shlomo Ben-Ami (vice presidente del Toledo International Center for Peace e già ministro degli Esteri di Israele), Sergio Jaramillo Caro (già alto commissario per il Processo di pace in Colombia), Alberto Melloni (direttore della Fondazione Giovanni XXIII di Bologna).

A seguire, l’iniziativa si svilupperà con un approfondimento accademico su The Fundamentals of the Palestinian-Israeli Conflict. Parteciperanno Sami Miaari (Tel Aviv University), Fabio Nicolucci (Link Campus University), Ahmed Abdelwahed (Chairman dell’Academy for International Development-Middle East and North Africa).

Nel pomeriggio del 19 settembre si terrà un forum diplomatico intitolato The Palestinian-Israeli Conflict – Perspective and Prospects. Moderato da Maurizio Melani (Link Campus University e già ambasciatore d’Italia in Iraq e in Etiopia e rappresentante presso il Comitato Politico e di Sicurezza della Ue), interverranno Martin S. Indyk (Council on foreign relations, già ambasciatore degli Stati Uniti in Israele e per le negoziazioni israelo-palestinesi), Itamar Rabinovich (già ambasciatore di Israele negli Stati Uniti), Hussein Agha (St. Antony’s College, Oxford), Daniel Shek (già ambasciatore di Israele in Francia e a Monaco).

La prima giornata si chiuderà con un panel, moderato sempre da Maurizio Melani, dal titolo The Middle East in the Contemporary Global Perspective. Parteciperanno Shlomo Ben-Ami (vice presidente del Toledo International Center for Peace e già ministro degli Esteri di Israele) e Massimo D’Alema (già presidente del Consiglio e ministro degli Esteri).

Il 20 settembre si terranno due appuntamenti. Il primo, moderato da Itai Sened, riguarderà una riflessione diplomatica su Diplomacy in the Modern Era; parteciperanno Martin Indyk, Ferdinando Salleo (già segretario generale del ministero degli Esteri e ambasciatore negli Stati Uniti, in Unione Sovietica e in Russia), Itamar Rabinovich e Daniel Shek.

Il secondo appuntamento, di natura istituzionale-accademica e moderato da Maurizio Melani, avrà come tema Europe after the EP Elections e vedrà la partecipazione di Vaclav Klaus (già presidente della Repubblica Ceca), Daniela Giannetti (Università di Bologna), Wolfgang C. Muller (University of Vienna), Karen Umansky (Tel Aviv University). Le conclusioni delle due giornate saranno affidate a Vincenzo Scotti e a Itamar Rabinovich.

L’iniziativa è aperta alla partecipazione del pubblico. Per ragioni organizzative si prega di confermare la presenza a eventi@unilink.it

ultima modifica: 2019-09-11T17:55:17+00:00 da Silvia Bosco