Pompeo telefona a Di Maio. Che succede tra Italia e Usa?

Pompeo telefona a Di Maio. Che succede tra Italia e Usa?
Il colloquio telefonico fra ministri degli Esteri conferma la vicinanza di Washington verso l'Italia, ma anche le preoccupazioni dell'alleato sulla tamburellante propaganda cinese sul Covid-19 che a Roma trova ampi spazi e può trasformarsi in qualcosa di più

È in corso una campagna di propaganda a livello globale da parte del governo cinese per riscattarsi dopo i ritardi che hanno causato la pandemia da coronavirus, uno sforzo che coincide con quelli compiuti da media del Partito comunista cinese per rassicurare sulla situazione a Wuhan e cantar vittoria sull’infezione.

Questa campagna, in Italia, sembra aver trovato sponde importanti a livello politico e governativo. Un supporto che non ha pari rispetto ad altri Paesi europei e occidentali, che è stato colto con preoccupazione degli Stati Uniti, che al contrario dell’Italia hanno scelto una postura molto severa nei confronti della Cina.

Prima il messaggio positivo, di amicizia e vicinanza, da parte del presidente statunitense Donald Trump che su twitter ha pubblicato un video delle Frecce tricolori sul Nessun dorma. Poi la conferenza stampa dal sapore agrodolce in cui il segretario di Stato Mike Pompeo ha sottolineando la vicinanza degli Stati Uniti all’Italia ma ha messo in guardia dalla Cina, precisando anche che “arriverà il giorno in cui valuteremo come il mondo intero ha risposto” all’emergenza e alla propaganda di Pechino.

In mezzo il messaggio del Consiglio per la sicurezza nazionale che ha rilanciato il lavoro dell’Unione europea, e in particolare della squadra di debunkers del Servizio per l’Azione Esterna, per rivelare la disinformazione russa e cinese sul coronavirus. Ma ci sono anche i media più vicini all’amministrazione Trump: prima Breitbart ha sbertucciato l’Italia per la Via della seta della salute, poi Fox News ha sostenuto che gli 007 Usa avrebbero avvertito il governo italiano della pandemia in arrivo venendo però ignorati.

Nelle ultime settimane le linee telefoniche tra Roma e Washington sono diventati sempre più bollenti. E il fatto che il colloquio tra Pompeo e Luigi Di Maio figuri soltanto sul sito della Farnesina e non sia stato rilanciato dal nostro ministro degli Esteri sembra suggerire una reazione forte da parte degli Stati Uniti alla vicinanza tra Italia e Cina.

Oltreoceano la generosità con cui l’Italia spalanca le porte alla Cina è vista nel migliore dei casi come ingenuità, nel peggiore come complicità. Fosse solo propaganda non si creerebbe tanto rumore. Ma in palio c’è di più. Un Paese, l’Italia, fortemente esposto, come ha dimostrato il crollo record dei titoli a Piazza Affari giovedì scorso, sotto pressione per l’emergenza sanitaria, che distrae forze, risorse e riflettori pubblici dal sistema della sicurezza. Dall’altra la Cina, che, la Belt and Road Initiative (Bri) insegna, è capace di trasformare queste debolezze in decisive, e spesso irrevocabili, leve negoziali.

Se si arriva addirittura a lanciare una “Via della Salute”, cioè a mettere sul piatto una collaborazione con Pechino nel settore sanitario e affidare ad aziende cinesi (vedi Huawei) il cloud con i dati delle cartelle cliniche, significa che ci si trova di fronte a qualcosa di più di una semplice interlocuzione. È quanto emerge da un colloquio telefonico fra Conte e il presidente cinese Xi Jinping che, hanno fatto notare esponenti di diverse forze politiche, meriterebbe quantomeno un passaggio parlamentare.

A Washington lo hanno notato, e i segnali di fumo verso Palazzo Chigi non mancano. A Roma solo qualcuno. Prevale una bonaria (si fa per dire) disattenzione, che bolla gli aiuti umanitari e la propaganda h24 dei media governativi cinesi come un semplice gesto di solidarietà, una tavola imbandita fra amici. Ecco, il messaggio americano è inequivocabile: su quella tavola, presto, sarà presentato il conto.

ultima modifica: 2020-03-19T19:56:16+00:00 da Gabriele Carrer

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: