Il presidente era andato a cantar vittoria nell'epicentro ma il virus è tornato. Intanto, è sparito un altro critico, il magnate Ren Zhiqiang, che gli aveva dato del pagliaccio per la gestione dell'epidemia

Ne è sparito un altro. Come ha raccontato il New York Times, gli amici non hanno più notizie del magnate Ren Zhiqiang, grande critico del Partito comunista cinese (dall’interno, essendone membro) e in particolare delle politiche adottate dal regime per fermare l’epidemia di coronavirus. Aveva definito il presidente Xi Jinping un “pagliaccio” affamato di potere proprio per la gestione dell’epidemia ma anche per il bavaglio messo a chi per primo aveva lanciato l’allarme riguardo al nuovo coronavirus.

Come sottolinea il New York Times, “il governo cinese sta lavorando per dipingere Xi come l’eroe che sta portando il Paese alla vittoria in una guerra di popolo contro il virus”. Tuttavia, continua il giornale della Grande Mela, “i funzionari si trovano a dover affrontare la rabbia profonda del popolo cinese, con molte persone ancora in fermento per gli iniziali sforzi del governo per nascondere la crisi”.

IL “CANNONE” SPARA AL “PAGLIACCO”

Ren, soprannominato il “cannone” per i suoi attacchi al regime, è uno di questi. E ora – dopo che il regime lo monitorava, gli aveva impedito di lasciare il Paese e cancellato tutti gli account social su cui si era costruito un’importante visibilità – è sparito. “Siamo molto preoccupati per lui. Continuerò a cercarlo”, ha dichiarato la sua amica Wang Ying. Anche un docente dell’Università del Popolo di Pechino, Zhang Ming, citato dal South China Morning Post, ha dichiarato di non essere in grado di contattare l’amico.

“Ho visto non un imperatore che esibiva le sue ‘nuove vesti’, ma un pagliaccio che si è messo a nudo e che insisteva a continuare a essere imperatore”, aveva scritto Ren il 23 febbraio (qui la traduzione di China Digital Times). Il discorso di Xi, il cui nome non viene mai citato esplicitamente, rifletteva anche “una crisi di governance all’interno del partito” a detta del magnate e lasciava aperti interrogativi sui fatti antecedenti al primo intervento del presidente cinese nella crisi, fatto risalire al 7 gennaio scorso. Tra i colpevoli, secondo Ren, c’è anche il Partito comunista cinese che ha tenuto nascosta la causa dell’epidemia e ha usato il suo potere per ingannare l’Organizzazione mondiale della sanità e ottenere il plauso a livello internazionale. I cinesi, ha aggiunto, sanno che “questa epidemia e tutta l’inutile sofferenza che ha portato provengono direttamente da un sistema che proibisce la libertà di stampa e di parola”.

Nel 2016 Ren, che fino a due anni prima era a capo del gruppo immobiliare Huayuan Properties, criticò la visita del presidente Xi ai principali media statali per chiedere un maggiore allineamento alla linea del Partito comunista cinese. I media, disse il magnate, dovrebbero servire il popolo, che paga le tasse, e non il partito. Dopo quella critica, il suo account Weibo – il Twitter cinese – seguito da 37 milioni di persone, venne bloccato.

CONTRO IL MODELLO WUHAN

Quelle di Ren sono critiche in particolare rivolte al cosiddetto modello Wuhan che in Italia sembra riscuotere molto successo soprattutto tra coloro che sono disposti a chiudere un’occhio sulla sua dimensione autoritaria e liberticida. Proprio Wuhan, però, ha da poco annunciato che sta ancora affrontando un’epidemia “grave” e ci sono casi di trasmissione locale del contagio. L’hanno comunicato le stesse autorità locali sbugiardando di fatto la propaganda della scorsa settimana con il presidente Xi a passeggio – sia pur con mascherina e in strade deserte – nell’epicentro della pandemia per celebrare la vittoria sul coronavirus. Una visita che lasciato aperti diversi interrogativi sulle responsabilità di Pechino, come sottolineato alcuni giorni fa su Formiche.net.

E a Wuhan stavano conducendo le loro indagini i giornalisti Li Zehua, Fang Bin e Chen Qiushi, spariti come Ren Zhiqiang per aver tentato di rivelare il lato oscuro del regime.

Condividi tramite