Gramellini e Feltri (Mattia) sugli scudi al tempo del colera (sic) virus

Gramellini e Feltri (Mattia) sugli scudi al tempo del colera (sic) virus
Bisogna esser grati a tanti giornalisti che in questi tempi calamitosi ci illuminano con le loro analisi e le loro osservazioni. Da Ernesto Galli della Loggia al coraggioso Pierluigi Battista al sulfureo Aldo Grasso. Ma due su tutti ricevono la nostra benevola gratitudine: Gramellini e Mattia Feltri. Con i loro pensierini mattutini dissacrano le ampollosità, ironizzano al meglio, ridicolizzano quanto basta. Il tutto in modo comprensibile a qualunque lettore. I loro pezzi credetemi sono imperdibili.

Ne cito solo due tanto per capirsi: I delitti del telo da spiaggia di Massimo Gramellini e Il tempo della corrida di Mattia Feltri. Ma tant’è sono un po’ come gli episodi del celeberrimo Commissario Montalbano, tutti penetranti, acuti, esemplari. Nel 430 a.c. Tucidide descrivendo la peste ad Atene scriveva grossomodo “che di tutto il male la cosa più terrificante era la demoralizzazione da cui venivano prese le persone” e il conseguente montare di rancore e di panico. Mi pare che da allora poco sia cambiato e allora ancora grazie ai loro mattinali. Avrebbero avuto l’ammirazione di Giovenale ma in tempi ahimè più modesti si debbono contentare di quella di noi comuni mortali.

Pubblicato sul sito http://www.fsnews.it/it/eventi/lifestyle/2020/4/24/brandani-gramellini-mattia-feltri-coronavirus.html

ultima modifica: 2020-04-26T06:57:16+00:00 da Alberto Brandani