Il lockdown mette a rischio l'incolumità di molte donne, chiuse in casa con uomini violenti. Europa e Italia devono collaborare di più

La presidente della commissione per i diritti della donna, Evelyn Regner, esorta l’Ue e gli Stati membri a rafforzare il sostegno alle vittime di violenza domestica durante la crisi Covid-19. Sia a livello globale che in alcuni paesi dell’Ue, è stato riferito che i casi di violenza domestica sono aumentati di un terzo nella settimana dopo l’istituzione del blocco. Le donne alle prese con relazioni violente sono bloccate a casa ed esposte al loro molestatore per periodi di tempo più lunghi.

Ciò rende molto difficile per loro chiedere aiuto al telefono, poiché l’autore è sempre presente. Questi giorni e le settimane a venire sono particolarmente pericolosi per le donne. Tutti stiamo affrontando le principali sfide psicologiche attraverso l’isolamento o la quarantena, ma le donne e talvolta i bambini in case non sicure stanno affrontando uno stress test particolarmente estenuante. Pertanto, ora dobbiamo prestare particolare attenzione a questo problema ed espandere le nostre azioni per fermare la violenza contro le donne.

Regner esorta tutti gli Stati membri dell’Ue ad affrontare questa situazione con determinazione e a comunicare attivamente dove e come le persone colpite possono ottenere aiuto. Ciò deve includere anche semplici modi per contattare e avvisare la polizia, come messaggi di testo o chat online, e l’uso di parole in codice con medici o farmacisti. Inoltre, devono essere resi disponibili più posti nelle strutture di protezione dalla violenza e nei rifugi per donne. Ove possibile, l’Ue deve sostenere le misure degli Stati membri finanziariamente e aiutandole ad aumentare tali misure.

La pandemia Covid-19 evidenzia nettamente la disuguaglianza di genere in tutte le sue forme. Come mostrano le cifre dell’Ocse il 70% della forza lavoro sanitaria è costituito da donne, gran parte del lavoro di assistenza non retribuito è svolto da donne e l’imminente crisi economica colpirà le donne molto più duramente.

Il nostro compito è rafforzare in modo sostenibile la salute fisica e mentale delle donne e la loro indipendenza economica, oltre la crisi Covid-19. La convenzione di Istanbul del Consiglio d’europa e il suo meccanismo di monitoraggio fornisce un contributo considerevole agli sforzi globali per prevenire e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica. Attraverso i suoi rapporti di valutazione di base, il monitoraggio rafforza gli sforzi nazionali per combattere la violenza sulle donne fornendo consulenza alle autorità sugli sviluppi legislativi e politici.

Le relazioni indicano una fonte autorevole di informazioni su diversi aspetti, per identificare lacune, esigenze e buone pratiche nelle parti della convenzione e può fungere da guida a tutti gli altri Paesi e attori coinvolti, compresi quelli che non sono ancora parti alla Convenzione di Istanbul. 34 dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa hanno già ratificato la convenzione e altri 11, oltre all’Unione europea, lo hanno già firmato.

Il Consiglio europeo accoglie inoltre con favore l’interesse espresso da alcuni Stati terzi ad aderire agli standard della convenzione in futuro e a procedure di ratifica, contribuendo ai suoi rapporti di valutazione e condivisione delle attività che si sviluppano e che serviranno a difendere la salute delle donne.

Possiamo far luce su tendenze, miglioramenti e sfide comuni che emergono dal processo di monitoraggio dei Paesi, sottolineando inoltre l’importanza cruciale del coordinamento tra le organizzazioni internazionali nei diversi tipi di attività svolte a livello regionale e internazionale. Siamo consapevoli della necessità di garantire coerenza nei messaggi e per evitare duplicazioni delle operazioni di monitoraggio.

La partnership si è sviluppata in un contesto di ciò che è oggi la piattaforma delle Nazioni Unite e regionale, meccanismi di esperti indipendenti sull’eliminazione della discriminazione e della violenza contro le donne: è una dimostrazione tangibile del impegno internazionale a tale riguardo, e al fine di conseguire una maggiore complementarità e sinergia. La piattaforma troverà modi per evolversi in uno spazio istituzionalizzato sostenibile per tutti i meccanismi di monitoraggio indipendenti sulla violenza contro le donne e i diritti delle donne. Noi come Associazione Nazionale TutteperItalia collaboriamo attivamente con la Commissione Ue anche attraverso lo scambio di informazioni sul tema. Ci auguriamo che il Dipartimento della presidenza del Consiglio che ha la delega operativa per le Pari Opportunità ne colga l’importanza e si rapporti virtuosamente con questa metodologia di collaborazione.

Condividi tramite