Una nuova era si è aperta dopo la pandemia di Covid-19. A differenza di quanto accaduto durante la Guerra fredda, oggi i campi non sono ben definiti. Gli amici possono diventare nemici per interessi a breve termine e convenienza politica

Lo scoppio della pandemia di Covid-19, diffusasi dalla Cina, ha segnato l’inizio di una nuova era storica che ha scatenato un tracollo economico globale. Ora, l’imposizione da parte del Partito comunista cinese della legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong dopo mesi di proteste rappresenta un momento storicamente definitivo nella crescente scomparsa della democrazia nel centro finanziario globale un tempo autonomo. Tuttavia, migliaia hanno ancora sfidato l’ordine del Partito comunista cinese che ha vietato ufficialmente la Veglia annuale di Tiananmen per la prima volta in 30 anni.

Soprattutto, le mosse provocatorie del Partito comunista cinese e la conseguente risposta degli Stati Uniti rafforzano la rottura bilaterale tra Stati Uniti e Cina e formalizzano la creazione di un nuovo ordine globale che definirà il resto del ventunesimo secolo.

Queste evoluzioni in corso sono state per anni in divenire e probabilmente attese da tempo. Il panorama politico globale è stato ampiamente in evoluzione negli ultimi due decenni, in particolare se paragonato alla più rapida comparsa ed evoluzione di nuovi ordini globali nel ventesimo secolo. Tra questi, la fine delle due guerre mondiali, nel 1918 e il 1945, e della guerra fredda nel 1991.

Mentre la Grande recessione del 2008 potrebbe aver rivelato l’ampia struttura del nuovo paradigma geopolitico, la pandemia di Covid-19 ha rivelato i suoi veri colori. I pezzi dispiegati tra le nazioni nell’attuale competizione tra superpotenze stanno andando più chiaramente al loro posto, mentre le tensioni stanno salendo a nuove vette.

A differenza del paradigma della guerra fredda, la nuova struttura geopolitica non è caratterizzata da una divisione binaria tra Stati Uniti e Unione Sovietica con campi chiaramente definiti. Amici e nemici spesso attraversano le linee tradizionali per interesse economico a breve termine, guadagno politico e convenienza. Sebbene gli Stati Uniti e la Cina costituiscano le due maggiori economie del mondo, le crescenti potenze regionali sono disposte e in grado di perseguire le proprie agende locali spesso contro gli interessi dei due principali attori mondiali.

La linea di fondo è che la nuova geopolitica riflette un panorama globale sempre più complesso e frammentato in cui l’incertezza domina un mondo molto più pericoloso. Ciò è ulteriormente aggravato da una generazione di leader in tutto il mondo in gran parte a corto di visione a lungo termine e pensiero strategico.

In questo quadro di questo nuovo ordine globale, Covid ha seriamente messo in discussione l’affidabilità della Cina come principale potenza globale. Fino a ora, il suo insabbiamento iniziale ha comportato la perdita di oltre 350.000 vite, milioni di mezzi di sussistenza persi e collasso economico globale. Il deficit di fiducia della Cina è ulteriormente aggravato dalle tattiche aggressive del Partito comunista cinese per costringere economicamente e diplomaticamente gli Stati colpiti dal Covid a “comprare” la narrazione della pandemia cinese — quella di un sistema monopartitico superiore che ha efficacemente affrontato e sconfitto il virus. Finora, queste misure si sono rivelate ampiamente fallimentari e hanno minato ulteriormente la credibilità e la reputazione della Cina sulla scena globale.

Una narrazione alternativa e più realistica di Covid è che la Cina ha usato la repressione per coprire il virus e una repressione ancora maggiore per contenerlo e che, fino a ora, sono stati i sistemi democratici ad affrontare in modo più efficace la pandemia di Covid attraverso la trasparenza e il dialogo aperto con i loro cittadini. Taiwan, la Corea del Sud e diversi Stati dell’Europa settentrionale, centrale e orientale si distinguono tra le varie storie di successo.

Il tentativo cinese di ricostruire la sua immagine a livello internazionale non sarà facile, ma sarà comunque possibile a lungo termine. Armato di enormi quantità di denaro in un mondo in difficoltà finanziaria, è probabile che il Partito comunista cinese trovi abbastanza “acquirenti” per una nuova narrativa cinese, non importa quanto imperfetto o fuorviante.

Alla fine, la Cina rimane un sistema totalitario. Gli Stati che la pensano allo stesso modo “compreranno” intenzionalmente le sue politiche mentre rafforzano le loro posizioni internamente. Invece, alcune nazioni democratiche fortemente indebitate procederanno con più attenzione; altre procederanno per la liquidità rapida e i suoi benefici a breve termine. Dopotutto, la minaccia a lungo termine della trappola del debito cinese sarà un problema da affrontare per i futuri leader e generazioni.

Da un lato, è importante non sottovalutare le debolezze interne della Cina e la loro capacità di inibire il livello della leva finanziaria cinese all’estero. Tuttavia, in larga misura queste vulnerabilità aiutano ad alimentare la determinazione della Cina a esercitare la sua influenza in modo ancora più aggressivo in tutto il mondo.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il suo crescente disimpegno dalla scena globale facilita il perseguimento dell’egemonia globale da parte della Cina. Affinché gli Stati Uniti rimangano competitivi a livello globale e mantengano un’influenza continua, devono esercitare un maggiore impegno su tutti i fronti con gli alleati tradizionali e i poteri emergenti, non solo con le parole ma con azioni reali. Era un’abilità che gli Stati Uniti una volta affinavano, in particolare durante la guerra fredda, che richiedeva una leadership costantemente esperta supportata da un consenso popolare costantemente ampio. Se gli Stati Uniti hanno la volontà o la capacità di mantenere una posizione di leadership globale rimane una domanda aperta che verrà determinata nei prossimi mesi e anni mentre la saga del ventunesimo secolo continua a svolgersi.

Condividi tramite