Scuola al via a Milano, le voci degli studenti: “Dopo mesi, tornare è dura”. Il video

Scuola al via a Milano, le voci degli studenti: “Dopo mesi, tornare è dura”

Milano, 14 set. (askanews) – La scuola riparte. Dopo le vacanze ma soprattutto dopo mesi e mesi di lockdown, si ritorna ai banchi. Tutti con le mascherine. A Milano, dal Parini al Tenca ingressi differenziati. Per molti l’intervallo è seduto al banco o scaglionato. E dalla mensa all’uscita di scuola, la giornata scolastica è un po’ diversa per gli studenti 2020. Ecco cosa ne pensano:

“Banchi singoli? Molto brutto perché non hai il tuo compagno di banco. Sei completamente da solo per sei ore di fila. Anche l’intervallo dovremmo farlo in classe e quindi non sarà facile”.

E la mascherina? “E la mascherina bisogna tenerla, non c’è niente da fare”.

Soprattutto per gli studenti delle superiori l’anno non sarà semplice: alcuni di loro già in questi giorni saranno collegati per la didattica digitale integrata da casa. Ma le scuole oggi riaprono comunque i portoni. Ed è la prova del fuoco per vedere se le regole preparate quest estate funzionano e sono applicabili. “Ci fanno entrare alle 8.30. Tutti con la mascherina e in base alle esigenze per il coronavirus”.

Il comitato tecnico scientifico e il ministero dell’Istruzione hanno consigliato gli ingressi a scaglioni. Ma il ritorno è duro. “Secondo me sarà più difficile dell’anno scorso, perché dopo sei mesi a casa, fai fatica a tornare a scuola”.

Le nuove norme sulla sicurezza tendono inoltre a ridurre al minimo l’accesso a scuola dei genitori dei bambini di più di 6 anni. E i colloqui dei genitori con gli insegnanti saranno solo virtuali.

(Testo e video Askanews)

ultima modifica: 2020-09-14T13:00:04+00:00 da Federico Marchetti