Hong Kong, Tony Chung è il primo perseguito per la legge sulla sicurezza

Hong Kong, 29 ott. (askanews) – Il giovane militante di Hong Kong, Tony Chung, è stato accusato di “secessione”. Il ragazzo è diventato così la prima personalità politica a essere perseguita in virtù della contestata legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino all’ex colonia britannica.

Due giorni dopo essere stato arrestato in un bar davanti al consolato americano a Hong Kong il 19enne Tony Chung è stato accusato di secessione e di cospirazione.

L’arresto di Chung ha suscitato preoccupazione nel movimento pro-democrazia. Quattro militanti di Hong Kong si erano subito recati nel Consolato Usa per cercare asilo. Senza ottenerlo.

(Testo e video Askanews)

Condividi tramite