Dopo il flop nel settore della telefonia cellulare, gli analisti scommettono su una nuova acquisizione di Nokia da parte di Microsoft. La società Usa è decisa a entrare nel mercato del 5G dopo il divieto di Trump a Huawei

Ci sarebbe Microsoft in prima fila per l’acquisizione di Nokia. Ancora una volta. È quanto emerge dalle previsioni per il 2021 di Ccs Insight rivelate da Forbes: secondo l’importante società di analisi, l’anno prossimo la finlandese Nokia verrà acquistata da un’importante azienda tecnologica statunitense. C’è anche Intel in corsa. Ma Microsoft sembra favorita.

Microsoft e Nokia potrebbero volerci riprovare dopo il flop della telefonia: nel 2013 Microsoft pagò oltre 7 miliardi di dollari per il business dei telefoni Nokia ma il tentativo fallì in due anni con la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro. Come sottolinea Forbes Nokai è rientrata nel mercato dei telefoni cellulari da allora ma quello non è più il suo core business.

A fare gola a Microsoft è il 5G dell’azienda finlandese. Il tutto in scia alla decisione dell’amministrazione statunitense di vietare ai fornitori di telecomunicazioni di utilizzare apparecchiature di aziende cinesi come Huawei e Zte. E soltanto la scorsa settimana Nokia ha concluso un accordo per diventare il più grande fornitore di apparecchiature per la prima telco britannica, BT. E questo, secondo il direttore dei consumatori e della connettività di Ccs Insight, Kester Mann, ha attirato l’attenzione sull’altra parte dell’Atlantico.

“Microsoft ha mostrato un reale interesse per il settore delle telecomunicazioni. Quest’anno abbiamo già assistito, in questo senso, a due acquisizioni (Metaswitch e Affirmed Networks) […] che indicano l’intenzione di ottenere esperienza e conoscenze nel campo del 5G. Riteniamo che Nokia possa essere un potenziale obiettivo per una società come Microsoft”, ha spiegato ancora Mann invitando però a non escludere dalla corsa Intel, ex alleata di Microsoft.

A febbraio il commissario europeo al digitale e all’antitrust Margrethe Vestager aveva aperto la porta all’acquisizione di quote di maggioranza di Nokia e della svedese Ericsson da parte del governo americano, purché non vi siano rischi di sicurezza. A quel tempo di vociferavano ipotesi di fusione tra Nokia ed Ericsson. Ora, invece, un’offerta di Microsoft per Nokia potrebbe cambiare il mercato del 5G in Occidente. Ma non c’è fretta. Meglio aspettare i risultati delle elezioni presidenziali statunitensi.

Condividi tramite