L’Istat, per il 2020, ha previsto un calo del Pil pari all’8,9%; nello stesso arco di tempo i decessi per covid-19 sono arrivati ad oltre 90.000.
La Politica, di fronte allo sfacelo, sembra mettere da parte gli interessi di parte ma… torna ai fondamentali: la destra sta con l’IO, la sinistra con il NOI. Al centro stanno i distinguo, faceti per non cavar il ragno dal buco.
Dunque l’Impresa da una parte, la Gente dall’altra.
Bene, diamo un’occhiata: l’economia di un Paese risulta dall’insieme delle azioni, fatte per gestire le risorse scarse, con l’intento di generare ricchezza per i paesani.
Azioni fatte da Agenti, all’uopo impiegati, a produrre beni e servizi per poi doverli prima acquistare, dopo consumare.
Nella salute sta la condizione sufficiente per poter compiere quegli atti che generano ricchezza; necessaria poi per poterne godere.
Essì, se il decesso ecatomba la salute, la ricchezza invece immiserisce e la crisi economica resta sempre lì, imperterrita.
A meno che non si possa continuare a sperare di farla franca, magari affidandoci alla prosa della Bce*: “Le rose sono rosse, le viole sono blu, manterremo condizioni finanziarie favorevoli fin a quando la crisi non ci sarà più”.

*Questo il messaggio, “Roses are red, violets are blue, we’ll keep financing conditions favourable, til the crisis is through”; una sorta di poesia sulla politica monetaria (il mantenimento di condizioni finanziarie favorevoli è un impegno preso dalla Bce sulla crisi pandemica) con rima finale, twittato dalla Bce lo scorso 14 febbraio.
Mauro Artibani, l’economaio
https://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_ss_i_3_7?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Daps&field-keywords=mauro+artibani&sprefix=mauro+a%2Caps%2C207&crid=E9J469DZF3RA

Condividi tramite