Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Effetto Letta, come il Pd si sta riprendendo la scena politica. Lo spiega Nicodemo

Letta è tornato con le idee molto chiare. Avrebbe detto un allenatore molto amato a Roma che Letta vuole “rimettere la chiesa al centro del villaggio”. Le battaglie d’identità – voto ai sedicenni, ius culturae –  sono servite a manifestare con forza il perimetro del Pd. I sondaggi stanno già premiando questa svolta

Enrico Letta è segretario del Pd da soli dieci giorni, eppure la svolta data al suo partito è talmente evidente che sembrano passate molte settimane. Ricapitoliamo. Ha nominato due vicesegretari rappresentanti di due aree culturali diverse e figli della NextGenerationPd, come ha chiosato Enzo Amendola. Ha costruito una segreteria plurale e bilanciata, scegliendo nelle correnti e aprendo ad esperienze esterne al Pd, come Antonio Nicita o Mauro Berruto. Ha chiesto e ottenuto un passo indietro a Delrio e a Marcucci, in modo che fossero una deputata e una senatrice a guidare i gruppo parlamentari.

Ha fermato Gualtieri – per ora – nella corsa a sindaco di Roma e lo stesso giorno ha incontrato Calenda per ricostruire un rapporto di alleanza con Azione. Con Speranza ha manifestato comunanza di idee e visioni. Ha ribadito a Draghi che l’agenda del governo è quella del Pd, e che proprio il Pd è il primo sostenitore di questo esecutivo.

Oggi infine ha incontrato Giuseppe Conte, il leader in pectore del M5S, per riaffermare una linea chiara: quella del Pd alleato e non subalterno al M5S, soprattutto in vista delle amministrative di autunno, prima vera prova elettorale dei due nuovi leader. Il tweet di Letta è abbastanza esplicito “Un primo faccia a faccia, molto positivo, tra due ex che si sono entrambi buttati, quasi in contemporanea, in una nuova affascinante avventura”. Un tweet significativo: ci si riconosce vicendevolmente nel ruolo di ‘ex’ inquilini di Palazzo Chigi, entrambi ‘vittime’ del medesimo destino, se così vogliamo dire.

Insomma, Letta è tornato con le idee molto chiare. Avrebbe detto un allenatore molto amato a Roma che Letta vuole “rimettere la chiesa al centro del villaggio”. Le battaglie d’identità – voto ai sedicenni, ius culturae –  sono servite a manifestare con forza il perimetro del Pd. Allo stesso tempo sono state un trappolone politico in cui Salvini è caduto incautamente. Nella polarizzazione con la Lega, il Pd ha tutto da guadagnare perché si rafforza nel consenso e diventa il vero antagonista di Salvini.

I sondaggi stanno già premiando questa svolta. Il terreno perso dalle dimissioni di Zingaretti è quasi del tutto recuperato. Certo, tornare al 20% è un obiettivo fondamentale per dare fiato e speranza al progetto politico del Pd. Ma non basta. Se il tema è quello di costruire un nuovo Ulivo con il Pd al centro come asse della coalizione e del governo del Paese, servirà una capacità di mobilitazione di interessi e di elaborazione di politiche in grado di rappresentare istanze e desideri di milioni di italiani che oggi non guardano al Pd.

×

Iscriviti alla newsletter