Amante dell’hockey e della caccia alle quaglie, il nuovo ceo della holding americana “è un essere umano di prima classe, una persona intelligente che non farebbe mai una stupidaggine”, secondo le parole del suo predecessore, l’Oracolo di Omaha

 

Dopo una lunga riflessione, Warren Buffett ha deciso: sarà Gregory Abel il suo successore alla Berkshire Hathaway Inc. Insieme all’attuale vicepresidente della società, Charlie Munger, Greg – come lo chiamo tutti – è stato scelto per la guida della holding americana.

Nato ad Edmonton, Canada, nel 1962, la scelta è stata condivisa e approvata internamente. Buffett ha dichiarato al Financial Times che “i manager sono d’accordo che se qualcosa mi capita questa notte, sarebbe Greg a prendere il mio posto domani mattina”.

Abel è attualmente presidente e ceo della Berkshire Hathaway Energy e vicepresidente di operazioni della Berkshire Hathaway dal 2018. Il suo, insieme a quello di Ajit Jain, era uno dei nominativi più forti per la successione di Buffett.

Si è laureato nel 1984 in Economia e Commercio all’Università di Alberta. Secondo una sua biografia visionata dal The New York Times, i primi lavori sono stati come distributore di volantini pubblicitari a domicilio e bracciante per un’azienda di prodotti forestali.  Poi ha svolto mansioni di contabilità alla PricewaterhouseCoopers. Il decollo è avvenuto alla CalEnergy Co, che poi è diventata MidAmerican, che nel 2000 fu acquistata da Berkshire Hathaway (e poi è stata ribattezzata Berkshire Hathaway Energy). Per il suo impegno nell’azienda, è chiamato l’Oracolo di Edmonton, un mix del suo luogo di nascita e del soprannome di Buffett, l’oracolo di Omaha, la città del Nebraska in cui ancora vive l’uomo tra i più ricchi del mondo.

Il gruppo ha a disposizione più di 140 miliardi di dollari per investimenti a partecipazioni in società ferroviarie, servizi pubblici, produttori, rivenditori e persino concessionarie di automobili. Le società non assicurative partecipate da Berkshire impiegano più di 250.000 persone e fatturano oltre 150 miliardi di dollari ogni anno.

Quella di Berkshire Hathaway è senza dubbio una delle successioni più importanti degli Stati Uniti, visto che Buffett è stato alla guida dell’azienda per più di 50 anni. “Abel supervisionerà il tentacolare gruppo di Omaha, che possiede aziende famose come l’assicuratore automobilistico Geico e la catena di fast food Dairy Queen”, si legge sul New York Times.

Gli altri piani dell’organizzazione resteranno uguali: Howard Buffett, figlio di Warren, sarà il prossimo presidente esecutivo della compagnia, mentre Todd Combs  e Ted Weschler saranno responsabili degli investimenti. Il braccio destro di Buffett, il 97enne Charlie Munger, aveva lanciato un indizio sulla nomina durante la riunione annuale con gli azionisti, affermando che “Greg manterrà salda la nostra cultura aziendale”.

Poco amante dei riflettori, Abel è un grande appassionato di hockey. L’amore per questo sport è legato allo zio, Sid Abel, membro della Hall of Fame per aver giocato nei Detroit Red Wings dal 1938 e per la sua carriera di commentatore televisivo. Greg fa parte della Hockey Canada Foundation ed è anche allenatore del figlio, con la seconda moglie, oltre che cacciatore di quaglie.

“È un essere umano di prima classe – aveva detto di lui Buffett in un video messaggio nel 2013 -. Ci sono molte persone intelligenti nel mondo, ma alcune fanno anche cose stupide. Lui è un tipo intelligente che non farebbe mai una stupidaggine”.

Condividi tramite