Ha inizio il 9 giugno il viaggio in Europa di Joe Biden, un’agenda fitta di impegni distribuiti nel corso di una settimana. Dal G7 al bilaterale con Putin, dal summit Nato all’incontro con Erdogan, passando per l’incognita Vaticano: tutte le tappe del tour del POTUS

Avrà inizio questa settimana il tour in Europa di Joe Biden, primo viaggio oltreoceano del suo mandato in cui affronterà una moltitudine di dossier nel corso dei vari incontri e faccia a faccia in programma. Al centro dell’agenda del presidente Usa la volontà dichiarata di rivitalizzare le relazioni transatlantiche, prendendo di petto temi come la lotta globale al Covid-19, la crisi climatica e la cyber-sicurezza ma ribadendo allo stesso tempo come gli Stati Uniti vogliano rimanere alla guida delle democrazie del mondo.

La prima tappa è il Regno Unito, dove Biden (accompagnato dalla first lady Jill, almeno in questa fase iniziale) atterrerà il 9 giugno in vista dell’incontro del giorno dopo con Boris Johnson. Dall’11 giugno avrà poi inizio il G7 di Carbis Bay, in Cornovaglia, durante il quale – oltre a ribadire gli impegni e le priorità Usa in ottica atlantica – ci sarà tempo e modo di organizzare diversi bilaterali con gli altri leader partecipanti, fra tutti Mario Draghi. Il G7 durerà fino al 13 giugno, quando Biden concluderà la sua presenza oltremanica con una visita al Castello di Windsor, dove incontrerà la regina Elisabetta.

Terminata la parentesi britannica Jill Biden rientrerà negli Usa, mentre il presidente si sposterà a Bruxelles per prendere parte al summit Nato previsto per il 14 giugno. In questa sede Biden ribadirà con ancor più forza gli impegni e gli obiettivi statunitensi sopra citati, in particolare per quanto riguarda la sicurezza informatica – ancora evidente la scossa che ha dato il cyber attacco all’oleodotto americano della Colonial Pipeline, forse portato alla struttura da hacker russi – e la compattazione del fronte comune democratico, soprattutto contro le ingerenze della Cina nell’area Indo-Pacifica.

Faccia a faccia scottante che si terrà in questa sede sarà quello con Recep Tayyip Erdogan, in cui si affronteranno le questioni riguardanti il Mediterraneo e il Medio Oriente. Per il 15 giugno l’agenda ufficiale del viaggio di Biden in Europa prevede, sempre a Bruxelles, il summit Stati Uniti-Unione Europea, oltre ai bilaterali con il re del Belgio Filippo e il primo ministro Alexander De Croo.

L’ultima tappa del presidente Usa in Europa lo porterà a Ginevra, dove il 16 giugno incontrerà Vladimir Putin nella “neutrale” Svizzera. Un vertice anticipato e molto atteso, in cui Biden sottolineerà soprattutto le questioni riguardanti il trattamento riservato agli oppositori di Mosca senza però cercare escalation nei rapporti con la Russia. A Ginevra, infine, il POTUS avrà modo di incontrare anche il presidente della Confederazione Svizzera Guy Parmelin e il ministro degli Esteri Ignazio Cassis.

Resta per ora fuori dall’agenda ufficiale un jolly importante di cui si è parlato nei giorni scorsi, la visita di Biden, primo cattolico alla Casa Bianca dai tempi di John Kennedy, in Vaticano da Papa Francesco. I tempi stringono e certezze sull’incontro con il Santo Padre non ce ne sono, ma…

Condividi tramite