Una prospettiva realistica di entrare nell’Unione europea può alimentare gli sforzi anticorruzione nei Paesi dei Balcani occidentali. Conversazione con Walter Kemp della Global Initiative Against Transnational Organized Crime

Walter Kemp è il direttore del South Eastern Europe Observatory presso la Global Initiative Against Transnational Organized Crime di Ginevra, Svizzera. Formiche.net lo ha raggiunto per alcune domande sulla lotta alla corruzione, tema in cima a margine della conferenza “Black Sea and Balkan Perspectives: A Strategic Region”, organizzata dalla Nato Foundation sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica.

Che relazione c’è tra criminalità organizzata e Stati nei Balcani occidentali?

In passato c’era uno stretto legame tra la criminalità organizzata e le strutture statali in alcuni Paesi dei Balcani occidentali. I criminali erano utili ai servizi di sicurezza per compiere assassinii, essere all’altezza dei paramilitari o facilitare il contrabbando. Oggi la situazione è più complessa. Ci sono ancora casi in cui alcuni attori statali proteggono o sono collusi con il crimine organizzato, ma il problema maggiore è quando gli interessi criminali, politici e commerciali convergono per creare reti che si proteggono e arricchiscono a vicenda. Questo può portare alla criminalizzazione, persino alla presa dello Stato.

La penetrazione cinese nei Balcani occidentali ha alimentato il crimine organizzato?

Le economie illecite traggono profitto da quelle lecite. Ecco perché la globalizzazione e il boom della criminalità organizzata transnazionale sono avvenuti contemporaneamente negli ultimi trent’anni. Gli investimenti cinesi in infrastrutture nell’Europa sud-orientale aumenteranno il commercio e la connettività in quella regione. Ma creeranno anche nuove opportunità per il crimine organizzato; per sfruttare strade e porti migliori, zone di libero scambio e tecnologia dell’informazione e importare merci contraffatte. L’altra conseguenza indesiderata degli investimenti stranieri dalla Cina, e da altri, è che i grandi progetti possono contribuire alla grande corruzione. A causa delle quantità di denaro in gioco, per esempio su strade e ponti, i progetti di costruzione possono risultare in risorse che vengono deviate a funzionari corrotti. Questo tipo di “corruzione organizzata” crea sovraccosti elevati, aumenta il debito nazionale e toglie il denaro ai servizi pubblici.

E quanto alla Russia invece?

La Russia, come altri Stati, ha interessi geostrategici nei Balcani occidentali. I gruppi criminali russi non sono molto attivi nella regione – è un mercato relativamente piccolo. Ma in passato sono state espresse preoccupazioni per il riciclaggio di denaro nella regione, per esempio nel settore immobiliare e del turismo, così come l’uso di alcuni gruppi per fomentare disordini.

Quali lezioni può trarre l’Unione europea da questi episodi?

Molti dei traffici illeciti che si muovono attraverso i Balcani occidentali, come la droga, sono diretti verso i mercati dell’Unione europea. Inoltre, un certo numero di gruppi criminali dei Balcani occidentali sono attivi nell’Unione europea. Pertanto, l’Unione europea ha un interesse diretto a lavorare con i Paesi della regione per migliorare la cooperazione e interrompere le rotte del contrabbando e i flussi finanziari illeciti. Non è sufficiente rafforzare la sicurezza intorno al perimetro dell’Unione europea e poi aspettarsi che gli altri si occupino delle conseguenze, per esempio il traffico di migranti. Inoltre, l’Unione europea dovrebbe continuare a lavorare con i Paesi della regione per ridurre il tipo di vulnerabilità socio-economica che spesso contribuisce al crimine organizzato e alla corruzione. Naturalmente, è anche essenziale continuare a lavorare con i Paesi dei Balcani occidentali per riformare i loro sistemi giudiziari e rafforzare il livello di integrità. Questo potrà avvenire meglio se i Paesi hanno una prospettiva realistica di entrare nell’Unione europea.

Con Joe Biden alla Casa Bianca, c’è una maggiore possibilità di cooperazione transatlantica su questi temi?

Gli Stati Uniti mantengono un’influenza significativa nella regione. Se Washington sottolinea l’importanza del buon governo e delle relazioni di buon vicinato e dà l’esempio, questo ha un peso. Dove gli Stati Uniti possono essere particolarmente utili è nel dare la caccia ai signori del crimine, mettendo sulla lista nera i funzionari corrotti, aiutando gli Stati della regione a costruire la capacità di affrontare il cyber-crimine, il riciclaggio di denaro e le criptovalute. Ma anche attraverso la condivisione di intelligence e le operazioni congiunte per interrompere i flussi transatlantici illeciti, per esempio di cocaina. Gli Stati Uniti, l’Unione europea e altri devono anche continuare a sostenere la democrazia e la società civile.

Condividi tramite