L’ex inquilino della Casa Bianca è ricoverato in terapia intensiva in un ospedale della California. Diagnosticata un’infezione sospetta. Mentre la moglie Hillary Clinton…

È un momento delicato per Bill Clinton. L’ex presidente degli Stati Uniti è ricoverato nel Centro Medico dell’Università della California – Irvine. La Cnn ha confermato che soffre di un’infezione alle vie urinarie che si è estesa nel sangue.

Alpesh Amin, presidente del reparto di medicina della struttura, e Lisa Bardack, medico personale di Clinton, hanno spiegato in un comunicato che “il presidente Clinton è stato portato al Centro Medico UC Irvine e gli è stata diagnosticata un’infezione. È stato portato nell’unità di terapia intensiva per essere seguito da vicino e ha una cura con antibiotici per via intravenosa”.

Il portavoce di Bill Clinton, Angel Ureña, ha ribadito che non si tratta di una malattia collegata al Covid-19 e che l’ex presidente si trova in via di guarigione e in buon stato d’animo.

I medici hanno spiegato che Clinton si trova in terapia intensiva per motivi di privacy e sicurezza, non perché le sue condizioni di salute siano gravi. Comunque, il gruppo dell’ospedale in California lavora insieme ai medici dell’ex presidente che si trovano a New York, incluso il cardiologo. Nel 2004, Clinton è stato sottoposto a un intervento per l’installazione di quattro bypass e nel 2010 due stent.

IL ROMANZO DI HILLARY

Intanto, come anticipato da Formiche.net, è uscito per i tipi di Simon & Schuster il romanzo “State of terror” della moglie dell’ex presidente, e candidata alla Casa Bianca, Hillary Clinton. Il libro non l’ha scritto da sola. Insieme a lei si è impegnata la scrittrice canadese Louise Penny.

“State of terror” è un thriller politico che racconta la sfida di ricostruire la leadership degli Stati Uniti nel mondo, dopo una serie di attacchi terroristici.

In un comunicato stampa, la scrittrice canadese spiega che quando le hanno proposto di scrivere un libro insieme alla sua amica Hillary lei non ha avuto dubbi. Una strategia per sapere cosa e come scrivere questo romanzo è stata indagare sul peggior incubo di Clinton come segretaria di Stato nel governo di Obama. Si tratta di una “collaborazione unica tra due amiche, appassionate di romanzi noir”, secondo l’editoriale.

Per chi si chiede se “State of terror” è ispirato alla realtà, basta leggere quella che sarà la quarta di copertina: “Una segretaria di Stato appena insediata nel governo del suo rivale, un presidente che segue quattro anni di un’amministrazione che ha ridotto la leadership globale degli Stati Uniti”.

Anche Bill Clinton ha scritto un romanzo a quattro mani, “The President is missing”, con lo scrittore James Patterson”.

Condividi tramite