Il Commissario del Criminal Investigation Bureau della Repubblica di Cina spiega come il suo Paese può essere un partner efficace e affidabile per la Comunità internazionale per combattere il cyber-crime nell’era post-pandemica

Nel 2020, la pandemia di Covid-19 ha devastato gran parte del globo. A metà maggio 2021, la Repubblica di Cina (Taiwan) ha visto un improvviso aumento del numero di casi. Quando Taiwan aveva più bisogno di aiuto, partner come Stati Uniti, Giappone, Lituania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia, nonché la COVAX Facility, meccanismo di assegnazione globale per i vaccini Covid-19, si sono immediatamente impegnati a donare o fornire vaccini a Taiwan, consentendo a Taiwan di riportare gradualmente sotto controllo la pandemia. Questa è una testimonianza degli sforzi congiunti internazionali per affrontare le gravi sfide poste dalla pandemia. Saranno necessari gli stessi sforzi congiunti per affrontare i crescenti crimini informatici internazionali nell’era postpandemica e Taiwan è disposta a far parte di tale impegno.

La crescente importanza della tecnologia informatica a seguito della pandemia

Durante tutta la pandemia, le agenzie governative di Taiwan e le società private hanno seguito da vicino le politiche antipandemiche per prevenire i focolai di infezione. Le persone hanno iniziato a lavorare da casa e le scuole hanno adottato l’apprendimento a distanza. I consumatori si sono rivolti all’e-commerce e sono fiorite le piattaforme di servizi di ordinazione e consegna di cibo online. La pandemia ha portato a questi cambiamenti nelle nostre vite e, mentre è sicuro che la crisi sanitaria rientrerà nel prossimo futuro, la diffusione della tecnologia informatica non lo farà. Ha cambiato radicalmente il modo in cui lavoriamo, viviamo, impariamo e ci rilassiamo, dando vita a uno stile di vita completamente nuovo.

Tuttavia, la nostra accresciuta dipendenza dalla tecnologia informatica ha anche reso molto più facile per i criminali sfruttare le vulnerabilità della sicurezza per commettere crimini. Pertanto, la sicurezza informatica sarà una delle questioni più importanti nell’era postpandemica in quanto è essenziale al mantenimento della sicurezza pubblica in tutto il mondo.

Il crimine informatico trascende i confini; la cooperazione transnazionale è la chiave

Poiché il crimine informatico trascende i confini, le vittime, gli autori e le scene del crimine possono trovarsi in Paesi diversi. Il crimine informatico più comune è la frode delle telecom, che utilizza Internet e altre tecnologie di telecomunicazione. La cooperazione transnazionale è necessaria per assicurare alla giustizia le organizzazioni criminali internazionali.

Nel 2020, la polizia di Taiwan ha utilizzato l’analisi dei big data per identificare numerosi cittadini taiwanesi sospettati di aver stabilito operazioni di frode telefonica in Montenegro. Taiwan ha contattato il Montenegro e ha proposto assistenza legale reciproca, consentendo all’ufficio del procuratore di Stato speciale montenegrino di portare avanti il ​​caso. Attraverso sforzi congiunti, Taiwan e le forze di polizia montenegrine hanno scoperto tre operazioni di frode telefonica e arrestato 92 sospetti accusati di impersonare funzionari del governo cinese, polizia e pubblici ministeri. Si ritiene che i sospetti abbiano truffato più di 2.000 persone in Cina, causando perdite finanziarie fino a 22,6 milioni di dollari. Questo caso evidenzia le caratteristiche della criminalità transnazionale. I sospetti erano cittadini di Taiwan, mentre le vittime erano cittadini cinesi. Il presunto reato è avvenuto in Montenegro ed è stato perpetrato con tecnologie di telecomunicazione. Grazie alla cooperazione bilaterale di polizia, i sospetti sono stati arrestati, impedendo ad altre persone innocenti di cadere vittime della truffa.

Lo sfruttamento sessuale dei bambini e dei giovani è un altro crimine condannato a livello internazionale, con i Paesi di tutto il mondo impegnati con ogni sforzo per prevenirlo e consegnare i responsabili alla giustizia. Nel 2019, la polizia di Taiwan ha ricevuto informazioni dalla rete privata virtuale CyberTipline dell’US National Center for Missing and Exploited Children, indicando che un cittadino sudafricano a Taiwan era sospettato di aver caricato grandi quantità di materiale pedopornografico su Internet. Seguendo le indicazioni, la polizia di Taiwan ha rapidamente individuato il sospetto e ha perquisito la sua residenza, sequestrando prove di pornografia infantile.

La polizia ha anche trovato fotografie e video di lui che aggrediva sessualmente bambini taiwanesi. Le immagini illecite sono state archiviate su server situati negli Stati Uniti e i presunti crimini sono stati commessi a Taiwan. Poiché le vittime in questo caso erano minorenni, erano troppo giovani per spiegare adeguatamente la situazione o chiedere assistenza. Se la polizia di Taiwan non avesse ricevuto le indicazioni, il sospetto avrebbe probabilmente continuato ad aggredire altri bambini. Questo caso deve il suo successo alla cooperazione transnazionale e alla condivisione dell’intelligencee, che può efficacemente arginare la criminalità.

La criminalità informatica implica indagini transfrontaliere, come chiaro. Tuttavia, le giurisdizioni e le definizioni dei crimini variano tra le forze dell’ordine in tutto il mondo. I gruppi criminali lo sanno fin troppo bene e sfruttano le barriere informative che ne derivano, fuggendo in altri paesi per ridurre le probabilità di essere scoperti. Come il Covid-19, il crimine informatico può colpire persone in qualsiasi paese. Pertanto, proprio come il mondo ha unito le forze per combattere la pandemia, contrastare il crimine informatico richiede la cooperazione delle forze di polizia internazionali aiutandosi econdividendo le informazioni reciprocamente. Solo così sarà possibile prevenire più crimini e risolvere più casi in modo efficace, consentendo alle persone di tutto il mondo di godere di una vita più sicura.

Le autorità di polizia di Taiwan si adoperano da tempo per promuovere la cooperazione internazionale nella lotta alla criminalità transfrontaliera. Nel 2020, si sono verificati tre casi importanti. Grazie agli sforzi congiunti di Taiwan, Vietnam e Stati Uniti, a gennaio sono stati perquisiti call center per frodi transnazionali nel settore delle telecomunicazioni; il mese successivo è stato scoperto un giro di contraffazione di valuta statunitense; e 12 individui sospettati di coinvolgimento nella tratta di esseri umani e di violazione della legge sulla prevenzione dello sfruttamento sessuale dei bambini e dei giovani sono stati arrestati inluglio.

Le autorità di polizia di Taiwan dispongono di un’unità investigativa criminale ad alta tecnologia specializzata e investigatori professionisti in cybercrime. Il Criminal Investigation Bureau (CIB) sotto l’Agenzia Nazionale di Polizia del Ministero dell’Interno, ha anche istituito un Digital Forensics Lab che soddisfa gli standard internazionali. Al laboratorio è stato rilasciato il primo accreditamento ISO/IEC 17025 al mondo per l’analisi del programma Windows dalla Taiwan Accreditation Foundation. Nel 2021, il CIB ha standardizzato le sue procedure di analisi deimalware, oltre a stabilire meccanismi di analisi dei file e di rete. L’esperienza di Taiwan nella lotta alla criminalità informatica andrà a beneficio degli sforzi globali per costruire un cyberspazio più sicuro.

Taiwan può aiutare a creare un mondo più sicuro

La pandemia di COVID-19 ha sottolineato il fatto che le malattie trascendono i confini nazionali e possono colpire chiunque, indipendentemente dal colore della pelle, dall’etnia, dalla lingua o dal genere. La sfiducia, i disaccordi e la mancanza di trasparenza tra le nazioni hanno accelerato la diffusione del virus. Solo quando i partner internazionali forniscono assistenza reciproca e condividono informazioni, competenze e vaccini, il mondo può superare la pandemia più velocemente e con successo.

I Global Policing Goals sono stati approvati dai paesi membri dell’INTERPOL nel 2017, con lo scopo dichiarato di creare un mondo più sicuro e sostenibile. Con questa missione in mente, dobbiamo lavorare insieme per combattere il crimine, proprio come abbiamo unito le forze per combattere la pandemia. Nessuna agenzia di polizia o Paese dovrebbe essere escluso. Per combattere la criminalità informatica e rafforzare efficacemente la sicurezza informatica globale, il mondo deve cooperare. Taiwan ha bisogno del sostegno del mondo e Taiwan è disposta e in grado di aiutare il mondo condividendo la sua esperienza.

Mentre il mondo intero si è alleato per combattere la pandemia in quest’ultimo anno, esortiamo la comunità internazionale, con lo stesso spirito, a sostenere l’offerta di Taiwan di partecipare all’Assemblea generale dell’INTERPOL di quest’anno come osservatore e di partecipare alle riunioni, ai meccanismi e alle attività di formazione dell’INTERPOL. La partecipazione pragmatica e significativa di Taiwan può aiutre a rendere il mondo un posto più sicuro per tutti.

Condividi tramite