Storia di azione, ma anche di amore in tempi di Covid-19. In Cina i film sono usati dal Partito Comunista per veicolare messaggi politici. Il mercato di intrattenimento cinese è il più grande al mondo, grazie alla censura delle produzioni occidentali e le misure di prevenzione della crisi sanitaria

Il governo cinese sembra temere il cinema occidentale e il suo soft power. Per frenare l’influenza delle produzioni cinematografiche nel Paese, le autorità hanno bloccato l’uscita nelle sale di tutti i film Marvel della Disney l’anno scorso, tra molti altri, per lasciare più spazio alle produzioni nazionali.

Nonostante i migliori sforzi del colosso cinematografico per avere l’approvazione dei funzionari cinesi, i film Marvel sono stati bloccati per rappresentazioni dei personaggi o preoccupazioni sui commenti fatti da registi, registi o attori nei film.

Shawn Robbins, analista capo di Boxoffice Pro, ha spiegato a Axios China che “i film Marvel sono in genere molto redditizi lì, ma gli aspetti politici nel bloccare quei film hanno avuto la precedenza per il governo cinese rispetto all’impatto economico positivo che probabilmente avrebbero avuto al botteghino”.

Ma la censura non colpisce solo Marvel. Negli anni sono stati bloccati anche Bohemian Rhapsody, La forma dell’acqua, Avatar, Ritorno al futuro e persino il tenero Vi presento Christopher Robin, dei racconti di Winnie the Pooh, per colpa dei famosi meme di Xi Jinping con Barack Obama.

Secondo Axios China, la pandemia ha contribuito ad un maggior controllo del mercato dell’intrattenimento cinese, e ha inaugurato una nuova era di imprevedibilità per le società occidentali che operano in Cina.

I dati di Comscore rilevano come la Cina abbia superato negli ultimi due anni gli Stati Uniti come mercato di intrattenimento più grande del mondo. Le regole cinesi consentono la proiezione di solo 34 film stranieri all’anno. Nel 2021, per esempio, solo il 28% dei titoli era di produzione straniera, e quasi tutti datati.

Anche la China Film Administration ha pubblicato un report in cui conferma che il mercato cinematografico cinese nel 2021 è stato il più grande al mondo con 47,258 miliardi di yuan, con i film cinesi che hanno occupato l’84,49% del botteghino totale.

Questa normativa di controllo (e censura) fa parte di una strategia per fare diventare la Cina “una forte potenza cinematografica” entro il 2035, come ha sottolineato ad Axios Aynne Kokas, esperta di studi sui media dell’Università di Virginia. L’idea non è creare un’alternativa a Hollywood ma di manipolare la piattaforma con fini politici.

Il Partito Comunista Cinese, infatti, usa i film nazionali come canale per diffondere messaggi di massa indirizzati a raggiungere obiettivi politici, e ridurre lo spazio alle opinioni straniere.

Il botteghino cinese di film, prodotti nel Paese, ne ha tanti. Quello che ha raccolto più incassi, non solo nel 2021 ma in tutta la storia del cinema cinese, si chiama La battaglia per il lago Changjin, e racconta la storia di glorificazione della lotta dell’esercito cinese contro l’esercito americano durante la guerra di Corea. Un chiaro esempio della propaganda cinematografica.

Nel più recente Embrace Again, invece, i produttori hanno scommesso su un cast con le più importanti star del grande schermo del Paese, e raccontano niente meno che la lotta del popolo cinese contro il virus. È una storia di amore tra le persone che hanno vissuto il lockdown da Covid-19 a Wuhan. Sono stati completamente trascurati i fallimenti nella gestione del governo della crisi sanitaria, soprattutto all’inizio.

Il critico cinematografico Shi Wenxue ha dichiarato al Global Times che “il mercato cinematografico cinese ha continuato a indossare la corona del più grande mercato cinematografico del mondo in mezzo alla pandemia globale. Questo è sia per le misure anti-pandemia del nostro Paese che per il successo dei film prodotti qui. Sono molto fiducioso che la Cina possa continuare a mantenere questa posizione di leadership nel 2022”.

Condividi tramite